Focus

Natura selvaggia e mozzafiato

Fragile, meraviglioso e ricco di bellezza nascosta. È la fotografia del pianeta Terra che emerge da alcune delle foto più apprezzate del concorso Wildlife Photographer of the Year 2011, dedicato alla natura selvaggia e incontaminata. Gli scatti che vedete sono stati scelti tra oltre 41 mila immagini catturate in ogni angolo del mondo. I vincitori verranno proclamati il 20 ottobre, un giorno prima dell'apertura di una mostra dedicata al concorso presso il Natural History Museum di Londra, principale organizzatore della competizione. Altre foto spettacolari in esclusiva sul sito della BBC, partner organizzativo della gara.

(Veolia Environnement Wildlife Photographer of the Year is owned by the Natural History Museum and BBC Wildlife Magazine)

Ogni estate, da vent'anni, il fotografo italiano Valter Binotto si reca in una località segreta delle Prealpi Venete, dove si raduna una colonia di farfalle Apollo (Parnassius apollo, nella foto). «Ammiro questa farfalla come fosse una regina» ha detto Binotto, che non ha rivelato il luogo dello scatto nel timore possa essere raggiunto da qualche collezionista (queste farfalle sono a rischio estinzione). «È la mia farfalla preferita, ed è per me il vero simbolo delle Alpi. Per questa foto ho approfittato di una nuvola bassa che ha creato lo sfondo bianco. L'uso del teleobiettivo mi ha consentito poi di isolare bene il soggetto. Altre foto di farfalle (guarda)

Si è recato su Victoria Island, in Canada, per fotografare i lupi artici. Ma mentre aspettava di incontrarne uno, il francese Eric Pierre si è imbattuto in una mandria di buoi muschiati che correvano spaventati, forse inseguiti proprio da un lupo.  Il fotografo si è fermato ad appena un chilometro dal gruppo: «Sentivo il brontolio dei loro zoccoli» ha dichiarato «è stata una di quelle situazioni in cui è fondamentale trovare un giusto compromesso tra accuratezza tecnica, estetica e sicurezza». Tra le foto più apprezzate nella categoria dedicata al comportamento dei mammiferi.

Si è spinto a pochi metri dal fotografo che lo stava osservando riparato dietro a un cespuglio. E una volta lì, è rimasto con gli arti in bella vista per alcuni minuti, tanto per chiarire chi fosse il più forte. Dietro al comportamento di Akarevuro, un giovane gorilla di montagna del Volcanoes National Park, Rwanda, c'era - ora è chiaro - una ragione "sentimentale". Lo scimmione ha voluto in questo modo fare colpo su una femmina che stava a guardare, con la quale poco dopo ha iniziato ad accoppiarsi.
Non perderti la gallery dedicata alle scimmie più buffe

Per raggiungere una cristallizzazione di sale incrostata tra le rocce del Glacier National Park, nel Montana, questa capra deve calibrare con precisione ogni singolo movimento. Un passo falso e potrebbe precipitare nel vuoto. Volete sapere come è andata a finire? Stando alla testimonianza del fotografo, benone. Dopo aver finito in bellezza la cena, la capra è tornata sui suoi passi, lentamente e con molta attenzione, fino a raggiungere le compagne.
Guarda anche una capra che si arrampica sugli alberi

Alcune scene di vita selvaggia rimarrebbero totalmente nascoste, se non fosse per l'intraprendenza di appassionati fotografi. Per immortalare questa scena, per esempio, Louis-Marie Préau, dalla Francia, si è procurato un'attrezzatura da sub e si è caricato di zavorre per rimanere ancorato al fondo del fiume Loira. Solo così ha catturato il momento in cui un castoro (gen. Castor) trascina con fatica un ramo di pioppo verso la sua diga. «Sembrava un duro lavoro» ha spiegato il fotografo «un lungo viaggio, e per di più in apnea». Le fauci dei castori sono dotate di una membrana che permette loro di addentare il legno senza far entrare acqua nella bocca.

Quando si dice essere corteggiata. Questa tartaruga (alla base della "torre") non ha certo avuto problemi a trovare un partner. Sopra al suo guscio si è infatti radunata una fila di potenziali compagni e altri, ha riferito il fotografo, si sono aggiunti più avanti. La scena è stata ripresa nelle acque dell'isola di Sipadan, in Borneo, dallo spagnolo Marcel Gubern, che non riusciva a credere ai propri occhi. Le femmine di tartaruga verde (Chelonia mydas) possono accoppiarsi con più partner e scegliere quale sperma utilizzare per fecondare le uova, serbando il liquido seminale in speciali ovidotti per lunghi periodi. Altre belle foto e curiosità sulle tartarughe

Immaginate di trovarvi sulle Alpi francesi a 2000 metri di quota, accanto a un lago coperto di ghiaccio, e di sentire il gracidio delle rane. Al fotografo francese Cyril Ruoso è successo, ma non si trattava di un'allucinazione. Le canterine c'erano davvero, e si trovavano con ogni probabilità intrappolate tra uno strato d'acqua e uno di ghiaccio. Al disgelo hanno fatto capolino dal lago mostrandosi all'obiettivo. Nella foto, due maschi aggrappati l'uno sopra l'altro, in attesa di una femmina disposta ad accoppiarsi.

Quando si dice trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Questo cigno di un famoso parco londinese, il Richmond Park, è rimasto suo malgrado coinvolto in una lotta tra due cervi rivali. Il povero pennuto stava attraversando uno stagno quando il più aggressivo dei contendenti si è lanciato in acqua per incornare l'avversario, situato sulla sponda opposta. L'altro cervo non è certo rimasto a guardare e nel bel mezzo delle grandi corna è finito proprio il cigno che stava cercando di allontanarsi. La vicenda ha avuto un lieto epilogo: almeno per l'uccello, che in qualche modo è riuscito a divincolarsi lasciando i due litiganti alla loro rissa.
Le più belle foto di natura selvaggia (guarda la gallery)

Ogni estate, da vent'anni, il fotografo italiano Valter Binotto si reca in una località segreta delle Prealpi Venete, dove si raduna una colonia di farfalle Apollo (Parnassius apollo, nella foto). «Ammiro questa farfalla come fosse una regina» ha detto Binotto, che non ha rivelato il luogo dello scatto nel timore possa essere raggiunto da qualche collezionista (queste farfalle sono a rischio estinzione). «È la mia farfalla preferita, ed è per me il vero simbolo delle Alpi. Per questa foto ho approfittato di una nuvola bassa che ha creato lo sfondo bianco. L'uso del teleobiettivo mi ha consentito poi di isolare bene il soggetto. Altre foto di farfalle (guarda)