La nano carta che si stampa con la luce

Un nanomateriale riciclabile di nuova generazione permette di stampare utilizzando raggi UV al posto dell'inchiostro. E l'ambiente ringrazia.

paper
La carta nanotecnologia permette di stampare senza inchiostro ma utilizzando solo la luce.|Wang et al. ©2017 American Chemical Society

Un team internazionale di ricercatori ha messo punto un nanomateriale da stendere sopra la carta sul quale è possibile stampare e cancellare senza utilizzare inchiostri o solventi chimici ma soltanto luce e calore. A tutto vantaggio dell’ambiente.


Secondo le stime infatti la carta costituisce circa il 40% del materiale depositato in discarica e anche il suo riciclo ha un’impronta non trascurabile poichè richiede grandi quantità di energia e sostanze dannose.


Nanocarta. Wenshou Wang della Shandong University (Cina) insieme ai colleghi di Berkley e della University of California hanno realizzato una carta ad alta tecnologia sulla quale è possibile stampare utilizzando solo raggi UV: il materiale cambia cioè colore quando viene esposto a sorgenti luminose che rispondono a specifiche caratteristiche.


Il foglio di Wang è costituito da uno strato di carta rivestito con una pellicola formata da due nanoparticelle: il blu di Prussia, un inchiostro piuttosto comune, non tossico e a basso costo e il biossido di titanio (TiO2). Il primo ha la caratteristica di diventare trasparente se guadagna elettroni, il secondo è un materiale fotocatalitico che accelera le reazioni chimiche in presenza di raggi UV.


Prima di essere utilizzato il foglio appare completamente blu. Per stamparlo è sufficiente esporlo ai raggi UV: il biossido di titanio, eccitato dalla luce, emetterà elettroni che, una volta catturati dall’inchiostro, ne causeranno la depigmentazione.


Il risultato è che il foglio diventerà completamente bianco ad eccezione delle zone non toccate dalla luce, dove rimarrà ben visibile il testo scritto in blu.

 

 

Come l'inchiostro simpatico. Una volta “stampato” il foglio rimane ben leggibile per almeno 5 giorni, prima di scurire progressivamente e tornare ad essere completamente blu.

 

Il processo di cancellazione può però essere accelerato riscaldando il materiale a 120° per una decina di minuti.

 

Colori diversi dal blu possono essere facilmente ottenuti lavorando con pigmenti chimicamente simili al blu di Prussia.


Secondo Wung e colleghi questo rivoluzionario procedimento di stampa senza inchiostro è l’ideale per tutto il mondo dei media, dei quotidiani, dei volantini e, in generale, delle informazioni scritte che hanno una vita utile di pochi giorni, per esempio gli imballaggi dei cibi freschi.


Il prossimo passo dei ricercatori sarà quello di realizzare una stampante laser in grado di lavorare con questa carta speciale per produrre una vera stampa a colori.

07 Febbraio 2017 | Rebecca Mantovani

Codice Sconto

10 DRITTE SCIENTIFICHE
 

per superare

 


la MATURITÀ