25
gen 2012

Il recupero della Costa Concordia

Le tecnologie in campo per bonificare e recuperare la Concordia ed evitare il disastro ambientale. Sarà la più grande e complessa operazione del suo genere.

Carabinieri sommozzatori all'opera nel relitto della Concordia (© REUTERS/Handout)
Carabinieri sommozzatori all'opera nel relitto della Concordia (© REUTERS/Handout)

A quasi 2 settimane giorni dal naufragio la Costa Concordia fa ancora paura: le 2.300 tonnellate di gasolio contenute nei suoi serbatoi, insieme a 42 tonnellate di olio lubrificante, potrebbero riversarsi tra le isole dell'arcipelago toscano, causando il più grande disastro ambientale della storia italiana.
Anche perchè la nave, che al momento del naufragio si è appoggiata alle rocce sul fianco di dritta, è in realtà in bilico su una scarpata profonda  88 metri e nelle ultime ore si è ulteriormente inclinata di 9 centimetri sull'asse verticale e 1,5 su quello orizzontale. I suoi movimenti sono monitorati da un complesso sistema di sensori laser e rilevatori GPS installato poche ore dopo l'incidente dai tecnici della Protezione Civile.
L'appalto per il recupero del vascello non è stato assegnato ancora, ma laSmit Salvage, una società olandese specializzata in questo tipo di operazioni che nel 2001 si era occupata della messa in sicurezza del sommergibile russo Kursk, è già stata incaricata del recupero del carburante e proporrà un piano anche per il recupero del relitto.
I tecnici olandesi sono già sul posto e hanno circondato la nave con un cordone di barriere galleggianti il cui compito è quello di contenere eventuali perdite.

Recupero carburante

Come verrà recuperato il carburante della Costa Concordia?
Ecco come funziona la tecnica dell'hot tapping.

Aspirazione contro il tempo
Prima di essere spostata, la Concordia dovrà essere “debunkerata”: i suoi 20 serbatoi dovranno cioè essere completamente svuotati. Sarà un'operazione lunga e complessa, che durerà da due a quattro settimane e coinvolgerà 15 navi cisterna sulle quali verrà stivato il combustibile aspirato dal relitto.
I tecnici olandesi utilizzeranno la tecnica dell'hot tapping: foreranno i serbatoi della nave e, dopo aver preriscaldato il gasolio per diminuirne la densità provocata dalle basse temperature di questi giorni, lo pomperanno sulle navi appoggio. Contemporaneamente, per evitare che la struttura si destabilizzi, inietteranno nei serbatoi acqua di mare. Le operazioni sono già iniziate e sabato 28 gennaio si inizierà a scaricare le prime cisterne (vedi fotogallery)

Nel cerchio rosso la Concordia vista dal satellite dell'ASI (© Agenzia Spaziale Italiana)
Nel cerchio rosso la Concordia vista dal satellite dell'ASI (© Agenzia Spaziale Italiana)

Controlli spaziali
Intanto CosmoSkyMed, un satellite dell'Agenzia Spaziale Italiana, sta monitorando lo scenario del naufragio, pronto a lanciare l'allarme in caso di fuoriuscite.
E se la Concordia dovesse affondare? Il debunkeraggio verrà effettuato comunque e con la stessa tecnica ma i tempi saranno molto più lunghi: ci vorrà più tempo per riscaldare il gasolio e occorrerà installare, a 40 metri di profondità, una camera iperbarica che eviti ai sommozzatori di dover effettuare le decompressioni.

Il recupero

Una volta bonificato, il relitto dovrà essere recuperato. E date le dimensioni, 290 metri di lunghezza, 50 altezza e 112.000 tonnellate di stazza – il doppio del Titanic - non sarà semplice. Sarà la più grande operazione di questo genere mai tentata.

Multimedia

Una ricostruzione di come potrebbe avvenire il recupero.

GUARDA

Le ipotesi al vaglio sono diverse. La prima prevedere la chiusura della falla e il progressivo svuotamento della nave dall'acqua.
Grossi palloni gonfiati di aria posizionati sotto la fiancata di dritta – quella sommersa – e l'azione di traino di alcuni potenti rimorchiatori raddrizzeranno la Concordia così che possa essere trasportata in un bacino di carenaggio idoneo.
Se non dovesse funzionare, i tecnici della Smit (o eventuali altre aziende) potrebbero passere al piano B: sezioneranno in tronconi il relitto e porteranno via la nave pezzo a pezzo.
La terza ipotesi, la meno probabile viste le dimensioni della nave, è quella di indrodurrre nel relitto dei giganteschi palloni che, una volta gonfiati con aria compressa, solleveranno la nave fino a farla galleggiare quel tanto che basta per trainarla in cantiere. Un'ipotesi che i tecnici della Smit, intervistati da Focus.it, ritengono impraticabile.
L'ultima spiaggia resterebbe l'affondamento della nave, che farebbe della Concordia il secondo più grande relitto sommerso dopo quello dell'Andrea Doria.
Ma quanto costerà tutto questo? Al momento è difficile dirlo: nel 2007 la compagnia Louis Hellenic Cruises spese 4,5 milioni di euro solo per svuotare i serbatoi della Sea Diamond, una nave grande meno della metà della Concordia, naufragata al largo di Santorini.

Contenuti collegati
Commenti (3)
commento-focus

Non sei connesso. Accedi utilizzando gli strumenti sottostanti.

commento-focus
Non sei connesso. Accedi utilizzando gli strumenti sovrastanti.
Oppure registrati.
lazzarotto2001 | pubblicato il 28/05/2012 alle 22.26 | Segnala un abuso
Recupero o affondamento della costa concordia???

Carissimi di Focus, vi comunico che da indiscrezioni confermate da più fonti, è ormai divenuta una CERTEZZA il fatto che la Micoperi-Titan Salvage, abbia avuto il mandato di imbastire un cantiere con il fine ultimo di colare a picco la Costa Concordia. Ai due video tuttora visibili e con migliaia di visualizzazioni su You Tube redatti dal sottoscritto, dall'ing. Dino Piacci e dal dr. Paolo Raggi ed approntati con la massima e serena applicazione di quanto descritto dal progetto "politico" Micoperi-Titan (scelto come e da chi ??? e senza nessun avvallo scritto da parte delle Autorità italiane !!!) è ormai evidente il fine ultimo di chiudere l'intera vicenda con la perdita totale del relitto al fine di rientrare a pieno titolo nella clausa assicurativa che prevede l'affondamento totale e quindi del relativo incasso di risarcimento. Nella certezza che tale sciagura sia ancora evitabile, a nome del gruppo da me diretto invito tutti coloro interessati alla tematica di fare sentire la propria voce, al fine di generare un dibattito costruttivo in antitesi allo sterile dictact istituzionale. Questo l'indirizzo del nostro video prima parte : http://www.youtube.com/watch?v=p5KcuqZm_is&feature=youtu.be e della seconda parte: http://www.youtube.com/watch?v=3X20h_owv3I&feature=relmfu Ricordo inoltre che il gruppo italiano Lazzarotto- Piacci e Raggi, hanno redatto un vero piano di recupero della Costa Concordia depositandolo come brevetto industriale presso il Ministero dello Sviluppo Economico italiano, che al di la delle tante "assurdità" uscite su fantomatici ed inrealizzabili piani di recupero che spaziano dalle colate di cemento nella falla, alla riempitura con poliuretani espansi pseudomiracolosi, ai mega palloni ad aria che scoppierebbero al solo contatto sulle rocce, fonda il proprio sapere su applicazioni concrete della Scienza e della tecnica. A tutt'oggi le gravi irresponsabilità delle Autorità italiane (dal sindaco del Giglio al Presidente della Protezione Civile ed oltre) hanno di fatto VIETATO la presentazione della nostra proposta. Una vergogna senza eguali per la classe dirigente italiana già di per se alla resa dei conti con opere pubbliche senza significato o addirittura incompiute da Nord a Sud dell'Italia. Grazie per la Vostra attenzione ebuona visione a tutti. Arch. Ettore Lazzarotto - RomaE-mail: lazzarotto2001@yahoo.it

alessandro | pubblicato il 25/03/2012 alle 09.23 | Segnala un abuso
recupero costa

recuperare la nave non è difficile il difficile è ammazzare le sanguisughe che ci sono .si poteva benissimo recuperare la nave da subito chiudendo la falla e saldando un traliccio sull fianco ancora emerso aiutandosi con il pontone atlante (fincantieri) facendo leva con il fondale . non sono un ingegnere ma un banale metalmeccanico navale .ma a qualcuno ha fatto comodo e continua a far comodo cosi, nei disastri ci mangiano tutti e bene vorrei sapere se in italia c'è ancora qualcuno che ha voglia di denunciare queste cose

  1 di 2 1 2 > >>