Dove vado? Te lo dice la scarpa col gps

Arrivano le prime scarpe smart: vibrano per segnalare le svolte e hanno un display led integrato nel tessuto. Ancora un prototipo, ma potrebbero arrivare già nel 2016: rivoluzione per la mobilità dei non vedenti?

vipexperience1
Le Smart Shoe di Vibram, collegate a un cellulare Lenovo. Sul fianco, il disegno dell'onda è riprodotto su un display led flessibile.|Courtesy of Vibram

Un navigatore satellitare che invece di mostrare le indicazioni su un display, fa… un leggero massaggio plantare, tra il piede e la suola della scarpa.

 

Vibra la scarpa destra, “gira a destra”.

Scarpa sinistra, “gira a sinistra”.

Vibrano tutte e due: “fermo, stai sbagliando strada”.

 

Pazzesco? No, perché queste scarpe, che esistono davvero, funzionano proprio così: si collegano al cellulare e diventano una interfaccia tattile sotto la pianta dei piedi. In modo sicuro e (a detta di chi l’ha provato) anche gradevole.

 

Per i non vendenti (ma non solo). Una innovazione dalle potenzialità enormi: oltre a una comunicazione invisibile (le persone potrebbero trasmettersi “vibrazioni plantari” a distanza, via Internet), le Smart Shoe potrebbero aprire nuove vie di comunicazione alle persone con disabilità, primi fra tutti i non vedenti.

 

Oggi, si usano speciali indicatori stradali in rilievo per segnalare percorsi pedonali e barriere architettoniche: calpestati, trasmettono l’informazione come un “braille stradale”. La scarpa intelligente potrebbe superare la necessità di questi sistemi: e “vibrare” sotto la pianta in prossimità dei binari della metro, di scale o di attraversamenti pedonali.

 

Le ha presentate l’italiana Vibram, storico marchio produttore della celeberrima suola “carrarmato” e delle curiose FiveFingers, in collaborazione con Lenovo. L'obbiettivo di questa curiosa partnership? Far diventare intelligente anche la scarpa. Per la precisione, la suola della scarpa. È lì infatti che si trova il cuore della tecnologia: connessione bluetooth con uno smartphone dove impostare il percorso, sensori e attuatori, quelli che trasmettono la vibrazione plantare.

 

Il gruppo di beta tester che ha provato le Vibram Smart Shoe per le vie di Milano. | Courtesy of Vibram

 

Loghi e messaggi per fighetti. Non solo: nella tomaia, sul fianco, c’è uno schermo led cucito insieme, anzi proprio ricavato nel tessuto: anche questo si controlla dallo smartphone (per ora soltanto da cellulari Lenovo) e permette di visualizzare messaggi, loghi o indicazioni.

 

Nelle scarpe c’è anche una batteria. E come si ricarica? Con un sistema a induzione, semplicemente appoggiando le scarpe sulla propria base di ricarica (come accade per l'Apple Watch). Una scelta indispensabile, per garantire l’impermeabilità della suola: il “buco” dove infilare il connettore si sarebbe inevitabilmente riempito d’acqua e danneggiato.

 

Attualmente, la scarpa è un prototipo, ma potrebbe raggiungere la produzione industriale nel 2016.

 


Ti potrebbero interessare

 

01 Maggio 2015 | Carlo Dagradi

Codice Sconto