Le più belle foto di Spazio dell'anno

Dagli spettacoli della magnetosfera terrestre alla magnificenza della Luna; dalla coda agitata delle comete agli sbuffi gassosi di stelle in formazione: le foto finaliste dell'Insight Astronomy Photographer of the Year 2015.

calm-before-the-storm-julie-fletchermoon-and-antelao-c2a9-marcella-giuliac2014-q2-lovejoy-c2a9-michael-jaegerfull-moon-over-the-alps-c2a9-stefano-de-rosaherschel-36-the-heart-of-the-lagoon-c2a9-lacc81szlocc81-francsicsaurora-panorama-3-c2a9-jan-r-olsensolar-prominence-c2a9-gary-palmerstar-trails-over-green-lake-c2a9-dan-barrgreat-nebula-in-carina-bi-colour-c2a9-terry-robisonascent-of-angels-c2a9-brad-goldpaintm42-subtle-v1-cropped-c2a9-patrick-gillilandmotind-c2a9-rune-engeboroseta-nbv5-c2a9-juan-ignacio-jiminezthe-mirrored-night-sky-c2a9-xiaohua-zhaothe-night-the-sky-exploded-c2a9-kris-williamsthors-helmet-c2a9-adam-blockApprofondimenti
calm-before-the-storm-julie-fletcher

Dalle vicinanze terrestri allo Spazio profondo, è il cielo il protagonista di queste foto, selezionate tra le più belle proposte dal prestigioso Insight Astronomy Photographer of the Year 2015 (organizzato dal Royal Observatory Greenwich insieme a Insight Investment e BBC Sky at Night Magazine). Sono state 2700 le foto inviate alla giuria da 60 diversi paesi del mondo. Quest'anno si potrà concorrere in 9 diverse categorie: tra queste, "Persone e Spazio", "La nostra Luna", "Il nostro Sole", e "Galassie". I vincitori saranno annunciati il 17 settembre 2015. Nel frattempo, godiamoci le foto arrivate in finale.

Qui sopra, in lontananza, uno roboante spettacolo di fulmini si scatena sul mare; in alto si staglia, placida, la Via Lattea. La fotografa che ha realizzato lo scatto ha atteso due ore nel Kati-Thanda-Lake Eyre National Park (Australia meridionale) prima di immortalare la scena.

moon-and-antelao-c2a9-marcella-giulia

Il candore lunare e quello delle nevi ricoprono il Monte Antelao, a San Vito di Cadore (Veneto). Marcella Giulia Pace, la fotografa italiana autrice dello scatto, è stata colpita dalla posizione della Luna rispetto al piano inclinato della seconda cima delle Dolomiti. Il nostro satellite sembra quasi una biglia che scivola lungo una pista. «Ho scattato la foto il giorno prima del mio quarantesimo compleanno, a gennaio» racconta la fotografa. «Vidi la Luna sollevarsi dall'Antelao innevato e mi sorprese il contrasto tra il cielo blu e il biancore della neve e della Luna. I mari lunari riprendevano la colorazione della roccia dolomitica non intaccata dalla neve, quasi a testimonianza della teoria della fissione (secondo cui la Luna si sarebbe formata staccandosi dalla Terra). Una metamorfosi di terra in cielo e viceversa».

c2014-q2-lovejoy-c2a9-michael-jaeger

Il bagliore verde-blu e la coda frastagliata della cometa C2014 Q2 Lovejoy contrastano con il nero dell'Universo sullo sfondo. La forma disturbata dello strascico di polveri della cometa è data dall'interferenza dei venti solari. Il bagliore verde è dovuto alla presenza di due gas, cianogeno e carbonio biatomico, che brillano nella lunghezza d'onda del verde quando le loro molecole sono ionizzate o eccitate. 10 cose che forse non sapevi sulle comete

full-moon-over-the-alps-c2a9-stefano-de-rosa

Di nuovo la Luna piena dietro alle Alpi tinte di rosa. A scattare è stata, inconfondibilmente, la mano di un fotografo italiano, Stefano De Rosa, che ha immortalato la scena da un angolo silenzioso del colle di Superga, Torino.
«La foto - spiega l'autore - ha richiesto una meticolosa pianificazione al fine individuare una stretta finestra temporale tra il sorgere del Sole e il tramonto della Luna dietro le Alpi. Finalmente, l'occasione giusta si è presentata il 6 gennaio scorso, pochi attimi prima dell'alba, nel silenzio quasi surreale della collina di Superga, a pochi passi dall'omonima Basilica e ad una manciata di chilometri da Torino che, nel frattempo, stava cominciando a svegliarsi».

herschel-36-the-heart-of-the-lagoon-c2a9-lacc81szlocc81-francsics

Il cuore della Nebulosa Laguna, una nursery stellare situata a 5mila anni luce dalla Terra, nella costellazione del Sagittario. Alle latitudini medio alte, in condizioni meteo ottimali, questa regione di formazione stellare è distinguibile anche ad occhio nudo.

aurora-panorama-3-c2a9-jan-r-olsen

Le luci del Nord danzano sopra al fiordo di Lyngenfjord, disegnando la forma del campo magnetico terrestre.
L'aurora boreale ha un suono? Guarda anche le più belle foto di fiordi

solar-prominence-c2a9-gary-palmer

Un enorme getto di plasma solare (detto in gergo "protuberanza solare") parte dalla fotosfera e si estende fino alla corona solare. Tipicamente queste protuberanze sono lunghe alcune migliaia di chilometri.
Guarda anche la foto del brillamento solare del 25 giugno

star-trails-over-green-lake-c2a9-dan-barr

La rotazione terrestre è ben deducibile da queste scie di stelle fotografate con una foto a lunga esposizione sopra al Green Lake, in California. Nello scatto è visibile anche un falò. Le foto degli specchi d'acqua più incredibili della Terra

great-nebula-in-carina-bi-colour-c2a9-terry-robison

La stella ipergigante Eta Carinae brilla circondata dai gas e dalle polveri stellare della Nebulosa della Carena, visibile anche ad occhio nudo dall'emisfero australe.

ascent-of-angels-c2a9-brad-goldpaint

Le luci di alcuni scalatori brillano tra le nevi del Monte Rainier (Washington), mentre la Via Lattea decora la sua cima (4.392 m) e una meteora attraversa la volta celeste. Poco prima di realizzare questo scatto, il fotografo ha avuto un incontro a tu per tu con un orso, fortunatamente finito bene.

m42-subtle-v1-cropped-c2a9-patrick-gilliland

Il Complesso nebuloso molecolare di Orione, una nube molecolare (ossia una nube interstellare ricca di idrogeno molecolare) che ospita la Nebulosa di Orione (al centro nella foto) e un'altra nebulosa spesso fotografata, la Nebulosa dell'uomo che corre, visibile a sinistra nella foto.

motind-c2a9-rune-engebo

L'autore dello scatto, norvegese, è piuttosto avvezzo allo spettacolo dell'aurora boreale. Ma una con una tale varietà di colori non l'aveva mai vista: l'ossigeno dona alle luci del Nord immortalate sull'isola di Senja (Norvegia) il colore verde; l'azoto, il viola.

roseta-nbv5-c2a9-juan-ignacio-jiminez

Questo fiore celeste è la Nebulosa Rosetta - 50 anni luce di diametro - formata dalle emissioni gassose delle giovani stelle informazioni nascoste nel suo nucleo. L'immagine a falsi colori indica la diversa composizione dei gas in questione, che raggiungono i 6 milioni di gradi °C.

the-mirrored-night-sky-c2a9-xiaohua-zhao

Stelle sopra la testa, stelle sotto i piedi: il paesaggio è quello, ormai ben riconoscibile, del Salar de Uyuni, il più grande deserto di sale, in Bolivia, famoso anche per il suo effetto "specchiato".

the-night-the-sky-exploded-c2a9-kris-williams

Una rara aurora rossa fotografata a Yellowknife, nei Territori del Nord-Ovest, in Canada.

thors-helmet-c2a9-adam-block

La sagoma unica dell'Elmo di Thor (o nebulosa NGC 2359, con un nome più tecnico), a 11 mila anni luce da noi. Le ali e il "caschetto" celeste sono causati dai venti stellari di una stella di Wolf-Rayet, un astro gigante e super massivo considerato nella fase di pre-supernova.

Il candore lunare e quello delle nevi ricoprono il Monte Antelao, a San Vito di Cadore (Veneto). Marcella Giulia Pace, la fotografa italiana autrice dello scatto, è stata colpita dalla posizione della Luna rispetto al piano inclinato della seconda cima delle Dolomiti. Il nostro satellite sembra quasi una biglia che scivola lungo una pista. «Ho scattato la foto il giorno prima del mio quarantesimo compleanno, a gennaio» racconta la fotografa. «Vidi la Luna sollevarsi dall'Antelao innevato e mi sorprese il contrasto tra il cielo blu e il biancore della neve e della Luna. I mari lunari riprendevano la colorazione della roccia dolomitica non intaccata dalla neve, quasi a testimonianza della teoria della fissione (secondo cui la Luna si sarebbe formata staccandosi dalla Terra). Una metamorfosi di terra in cielo e viceversa».