Come i pesci sono diventati serpenti
Nuove ricerche su un antico fossile hanno permesso di delineare meglio come alcune specie di pesci si trasferirono sulla terraferma e si trasformarono in rettili.
Un backup contro l'Armageddon
È possibile creare un backup della vita terreste per fare fronte a un'eventuale catastrofe? Dove conservare il prezioso tesoro?
I movimenti caotici dei giocatori di calcio
In campo si spostano in modo simile alle particelle in un fluido vorticoso. Essere confinati in un perimetro rettangolare influenza il loro moto più degli schemi di gioco.
Solstizio d'estate: 7 cose da sapere
Il 21 giugno alle 06:24 inizia ufficialmente l'estate astronomica. Ecco una guida scientifica essenziale al primo giorno della bella stagione.

10 DRITTE SCIENTIFICHE
 

per superare

 


la MATURITÀ

ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Qual è la differenza tra astronomia e astrologia?
Scienza e superstizione marciarono insieme per secoli. Poi, il cannocchiale le separò.
In Giappone una nuova rete di allerta tsunami
Un insieme di sensori sul fondo del mare dà l'allarme entro 7 minuti dal sisma, anticipando l'evacuazione: nel marzo 2011 avrebbe consentito di salvare migliaia di persone.
La Terra può aprirsi, come nei film
Il fenomeno della faglia inversa scatena terremoti che possono aprire e chiudere immense voragini sulla Terra.
L'età dell'Uomo nelle Americhe
Uno studio crea un vero e proprio giallo scientifico, con discussioni e litigi: l'uomo ha colonizzato le Americhe 20.000 o 130.000 anni fa?
Basket: la rivincita del "tiro della nonna"
La strategia migliore per fare canestro, con la palla o con un pezzo di carta? Tirare piano e dal basso: i lanci andranno più spesso a segno, a patto di saper dosare forza e angolazione.
L'Homo naledi più recente del previsto
I suoi scopritori hanno finalmente stabilito la datazione dei fossili: dai 300 mila ai 200 mila anni fa. Un dettaglio non da poco: la specie potrebbe essere persino entrata in contatto con i sapiens.
Esperienze trasmesse dai geni per generazioni
Ambiente ed esperienze lasciano un'impronta genetica che non altera il Dna, ma può essere trasmessa per generazioni.
La codata letale dello scorpione di mare
Oltre 400 milioni di anni fa, il predatore acquatico finiva le sue prede con una coda affilata come un rasoio, che poteva agitare di lato e in modo chirurgico.