Nuvole artificiali per studiare i venti

Un nuovo esperimento per studiare la ionosfera e i fiumi d'aria dell'alta atmosfera.

terrier_improved-malemute_2
Un Terrier Malemute simile a quello che porterà in alta quota le nubi artificiali che permetteranno di studiare i venti a quelle altezze.|Nasa

Il prossimo 11 giugno i cieli della costa atlantica degli Stati Uniti si accenderanno di nubi luminescenti e artificiali. Sarà la Nasa a crearle, per mettere alla prova un nuovo sistema per lo studio della ionosfera e delle aurore boreali. Per il lancio verrà utilizzato un Terrier Malemute: questo è un razzo sonda "leggero", a due stadi (Terrier e Malemute, due razze canine particolarmente robuste), progettato per portare materiale scientifico fino a un massimo di 180 kg circa e fino a 400-700 km di altezza, a seconda dell'esperimento e del peso del materiale stesso.

 

In questo caso il razzo porterà in quota 10 "serbatoi" delle dimensioni di una bottiglietta da bibita, che si apriranno in successione tra i 10 e i 20 km di distanza dal secondo stadio (Malemute), a 150-200 km di quota.

 

meteorologia, studio dei venti
L'area interessata dal test. | Nasa

Il materiale disperso in cielo darà origine a nubi artificiali dal colore blu-rosso-verde che permetteranno ai ricercatori a terra di seguire il movimento delle particelle in alta atmosfera e perciò di studiare il comportamento dei venti a quote molto elevate.

 

Tutto in 8 minuti. Filmeranno l'intero test varie telecamere a terra installate tra la Wallops Flight Facility (base di lancio gestita dal Goddard Space Flight Center), in Virginia, e il North Carolina. Il materiale disperso in atmosfera, composto da bario, stronzio e ossido rameico, sarà in quantità tale e sarà rilasciato a una tale altezza da non avere alcun effetto sui territori toccati dal test, che complessivamente durerà al massimo 8 minuti - prima che i venti lo spazzino via del tutto.

 

07 Giugno 2017 | Luigi Bignami