Insalata super nutriente?

La dieta a base di pesce... con una pianta? Sembra la soluzione ideale per i vegetariani grazie a un OGM. Ma non tutti i ricercatori sono d'accordo.

2004518173057_8

Insalata super nutriente?
La dieta a base di pesce... con una pianta? Sembra la soluzione ideale per i vegetariani grazie a un OGM. Ma non tutti i ricercatori sono d'accordo.
L'arabide (Arabidopsis Thaliana).
L'arabide (Arabidopsis Thaliana).

L'arabide (Arabidopsis Thaliana) è una comune pianta di insalata, non particolarmente apprezzata sulle tavole di tutto il mondo. Ma grazie a diversi laboratori di ricerca inglesi, anche lei sta vivendo il suo momento di gloria. Come riporta la rivista Nature Biotechnology, il suo codice genetico è stato opportunamente modificato per produrre acidi grassi polinsaturi Omega-3, tipici dei pesci e in grado di prevenire malattie cardiovascolari, e Omega-6, meno noti ma anch'essi capaci di proteggere da patologie varie.
Piante OGM come fabbriche di grassi "buoni". Per stimolare la produzione dei grassi polinsaturi i ricercatori hanno utilizzato i geni di due alghe e di un fungo.
I grassi contenuti nell'arabide avrebbero il pregio di non essere "inquinati" da sostanze tossiche che potrebbero essere presenti nei pesci. Le piante ricche di acidi grassi polinsaturi avrebbero due ulteriori benefici: per prima cosa eviterebbero il ricorso alla pesca per avere alimenti ricchi di grassi Omega. Le riserve di pesce, infatti, sono ormai al limite; inoltre le piante ricche di acidi grassi bloccano la produzione di metano nello stomaco delle mucche e potrebbero aiutare a limitare la produzione naturale di gas serra. Tutti vantaggi che però non convincono gli scienziati che mettono in guardia dall'introduzione sul mercato (o nella catena alimentare) di organismi geneticamente modificati, i cui effetti a lungo termine non sono stati ancora studiati.

(Notizia aggiornata al 18 maggio 2004)

18 Maggio 2004 |