Perché non possiamo fare a meno dei vaccini vai allo speciale

11 cose che (forse) non sai sui vaccini

Come funzionano? Chi li ha scoperti? Quali sono i veri rischi? È vero che erano già conosciuti nell'antica Cina? Verità e bugie su una pratica che suscita ancora dubbi.

thank_you_science
Una bambina della Liberia ringrazia gli scienziati che hanno trovato il vaccino per Ebola.|Wellcome Trust

Il tema dei vaccini è sempre caldo e le polemiche sempre troppo accese. Tutto questo rischia di offuscare altre informazioni, più importanti e fondamentali per esempio su come i vaccini agiscono e sugli episodi a volte curiosi che hanno porato alla loro scoperta. Facciamo un po' di chiarezza.

 

1. Perché i vaccini funzionano?

I vaccini si basano sulla capacità del sistema immunitario di riconoscere gli agenti infettivi già incontrati, e di reagire prontamente per eliminarli prima che danneggino l'organismo.

 

A scoprire questo principio fu l’inglese Edward Jenner (1749-1823). Ancora studente, Jenner incontrò una mungitrice durante una passeggiata. Sebbene fosse in corso un’epidemia di vaiolo, la ragazza disse di non temerlo.

 

Molti anni dopo, Jenner capì che la giovane era immune perché il vaiolo dei bovini rendeva i pastori resistenti alla forma umana. Per dimostrarlo, estrasse il liquido delle vesciche del vaiolo bovino e lo inoculò a un bimbo di 8 anni. Due mesi dopo gli iniettò anche del materiale infetto prelevato da un malato: il bimbo non si ammalò.

 

2. Come sono fatti?

Esistono tre tipi di vaccini. Quelli contro morbillo, parotite, rosolia e varicella contengono i virus da cui ci si vuole proteggere, ma “attenuati”: trattati cioè in modo che non possano replicarsi e scatenare la malattia.

 

Quelli contro la poliomielite, l'epatite A e, a volte, l'influenza contengono invece i virus uccisi.

 

Esistono infine vaccini preparati solo con alcune porzioni dell'agente infettivo: questo è già sufficiente ad attivare la protezione immunitaria. Sono fatti così i vaccini contro il papilloma virus, la difterite, il tetano, la pertosse, l'Haemophilus influenzae, lo pneumococco e il meningococco.

 

 

Il dio del vaiolo dell'antica Cina. | CCI ARCHIVES/SCIENCE PHOTO LIBRARY

3. Nell'antica Cina

Intorno all'anno mille, in Cina, si praticava già una rudimentale vaccinazione contro il vaiolo, facendo inalare ai bambini una polvere ottenuta dal virus che provoca la malattia. La polvere poteva essere somministrata anche attraverso piccole abrasioni sulla cute.

 

4. Tenere alta la guardia!

La prima vaccinazione obbligatoria in Italia è stata l'antivaiolosa, introdotta a partire dal 1888. La seconda è stata l'antidifterica, dal 1939. Il virus del vaiolo non esiste più in natura e per questo non è più necessario vaccinarsi. Bisogna invece continuare a proteggersi dalle altre malattie perché, anche se non sono presenti in Italia o sono molto rare, potrebbero tornare.

 

5. Addio vaiolo

Il cuoco somalo Ali Maow Maalin è stato l'ultimo a contrarre da un malato la forma più lieve del virus del vaiolo, nel 1977. Nel 1975, in Bangladesh, la piccola Rahima Banu Begum, di appena due anni, era stata invece l'ultima a prendere la forma più seria della malattia. Entrambi sono sopravvissuti. Ali si è in seguito impegnato in campagne a favore della vaccinazione antipolio ed è morto nel 2014. Rahima si è sposata a 18 anni e ha avuto almeno 4 figli.

 

Nel 1978, durante una vista a un laboratorio inglese, la fotografa Janet Parker si infettò accidentalmente con il virus e morì un mese dopo. È stata l'ultima vittima del vaiolo. Il virus è ancora conservato in due laboratori di massima sicurezza, uno in Russia e l'altro negli Stati Uniti.

6. I medici disonesti e l'autismo

Nel 1998, la rivista Lancet pubblicò un articolo del medico inglese Andrew Wakefield, che collegava la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia all'autismo. In seguito, altri studi non confermarono il dato e si scoprì che Wakefield aveva ricevuto 435.000 sterline dagli avvocati di alcuni genitori, che volevano avere un risarcimento per la malattia dei figli, attribuendola proprio al vaccino.

 

Lancet ritirò l'articolo e Wakefield fu radiato dall'Ordine e quindi non è più un medico. Nonostante le smentite, la copertura vaccinale nel Regno Unito passò dal 92 all'80%, e i casi di morbillo da 56 (nel 1998) a circa 1.400 (nel 2008). In Italia, dove l'effetto è stato ritardato, una bambina di 4 anni, non vaccinata, è morta nel 2014.

 

7. I vaccini non contengono mercurio

Il mercurio non è contenuto nei preparati in uso oggi. Fino agli anni Novanta era presente un sale dell'etilmercurio (chiamato tiomersale), che serviva da conservante. A differenza del metilmercurio, che è tossico, l'etilmercurio è metabolizzato dall'organismo e non danneggia il sistema nervoso. Nonostante questo, per fugare ogni sospetto, anche il tiomersale è stato comunque eliminato. Sono anche stati smentiti possibili legami fra vaccini e leucemia infantile, diabete di tipo 1 e sclerosi multipla.

8. I veri effetti collaterali

Al di là delle leggende, gli effetti collaterali dei vaccini più diffusi sono: per la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia: reazioni allergiche gravi o encefalite (1 caso su un milione), riduzione delle piastrine nel sangue (1 caso su 100.000). Per l'esavalente (contro epatite B, difterite, pertosse, Haemophilus influenzae, poliomelite e tetano): reazioni allergiche gravi (1 caso su un milione), convulsioni febbrili (1 o 2 casi su 10.000). I vaccini possono causare nei giorni seguenti malessere, febbre, gonfiore, arrossamento e dolore nella zona della puntura.

 

In tutti i casi, poiché le malattie per cui ci si vaccina sono potenzialmente letali, è di gran lunga più pericoloso ammalarsi che vaccinarsi.

 

9. Effetto gregge

Solitamente i neonati sono vaccinati a partire dal terzo mese e l'iter si completa a 5-6 anni, con i richiami. Prima di allora potrebbero quindi contrarre gravi malattie, se entrano in contatto con una persona infetta. 

 

Vaccinazione di massa nelle scuole di New York, negli anni Quaranta. | LIBRARY OF CONGRESS/SCIENCE PHOTO LIBRARY

Neppure può vaccinarsi chi è allergico ai vaccini o è portatore di alcune rare malattie. Per proteggersi, tutti costoro devono quindi contare sugli altri. Infatti, quando la percentuale di chi si vaccina è molto alta, gli agenti infettivi non riescono circolare e a scatenare epidemie, e quindi tutti sono al sicuro. In termini tecnici, questo fenomeno si chiama "immunità di gregge". Per il morbillo, per esempio, una copertura vaccinale del 95% mette in sicurezza anche chi non può vaccinarsi. L'immunità di gregge consente inoltre di proteggere quella piccola quota di persone che, pur vaccinandosi, non acquisiscono una protezione completa.

 

10. Viaggiatori distratti

Chi è in partenza per una destinazione esotica e ha dimenticato di vaccinarsi, può farlo anche all'ultimo momento. Le vaccinazioni andrebbero programmante con circa due mesi di anticipo, ma per alcune malattie (non per tutte) si possono seguire procedure accelerate, che conferiscono una protezione di breve durata, e che in qualche caso necessitano di un richiamo una volta tornati. In alcuni Paesi è tuttavia obbligatorio esibire un certificato che attesti che ci si è immunizzati contro la febbre gialla o la meningite meningococcica. Chi non lo ha non può uscire dall'aeroporto.

 

11. Dal pancione al bebè

Vaccinare la madre in gravidanza contro l'influenza protegge anche il bambino che nascerà. Infatti, i figli delle donne che si vaccinano nel secondo o terzo trimestre (come peraltro è raccomandato) vedono diminuire del 40% il rischio di ammalarsi. Infatti, attraverso la placenta, il nascituro acquisisce gli anticorpi contro il virus influenzale prodotti dalla madre vaccinata. Questa pratica è quindi altamente consigliata, perché protegge il bambino in un periodo particolarmente vulnerabile della sua vita.

 

BONUS: breve storia dei vaccini

05 Aprile 2016 | Margherita Fronte