La salute nel piatto: integratori, diete iperproteiche e cibi bio

Dal palco di Pavia gli esperti di Focus hanno risposto per due ore alle domande del pubblico sui temi più caldi legati ad alimentazione, salute e nuove mode a tavola.

Dall’aula magna dell’Università di Pavia Jacopo Loredan, direttore di Focus, ha moderato la tavola rotonda su cibo e salute che si è svolta nella cornice di Panorama d’Italia, la live conference di Panorama.


Protagonisti dell’incontro Valentina Bolli (dietista), Carla Lertola (medico specialista in scienza dell’alimentazione) e Enzo Spisni (docente di fisiologia della nutrizione dell’Università degli Studi di Bologna).
Nel corso dell’evento i tre esperti hanno risposto alle numerose domande del pubblico in sala e su Facebook.

Troppa energia? No, grazie. Spisni, sollecitato dal direttore, ha spiegato come le bevande energizzanti (min 01’40” del video qui sopra) a base di caffeina e taurina oggi così tanto di moda vadano consumate con moderazione quando non del tutto evitate: possono infatti interferire con i processi neurologici e creare dipendenza (min 07’00”).

Modera la proteina. Grande interesse da parte del pubblico anche per il mondo degli integratori proteici, di cui spesso si fa abuso soprattutto nel mondo dello sport amatoriale (min 08’40”).


Carla Lertola ha spiegato come in realtà, anche per gli sportivi, non sia necessario aumentare la quota proteica rispetto a una normale dieta mediterranea (min 09’20”).

La dieta dissociata. Non sono del tutto corrette nemmeno le diete dissociate (min 13’45”): secondo Valentina Bolli i macro nutrienti che compongono la nostra alimentazione - carboidrati, proteine, grassi - devono essere sempre assunti tutti insieme per portare il massimo beneficio.

 

Il rischio delle diete dissociate, soprattutto se protratte per periodi lunghi, è che vadano ad incidere eccessivamente sulla massa magra (min 17:30”).
Nessuno studio, sottolinea Spisni, ha evidenziato i vantaggi della dieta dissociata.

Vegano sì, vegano no. Gli esperti hanno poi affrontato il tema della dieta vegana (min 26’30”): diverse istituzioni scientifiche la annoverano tra le diete più salutari, ma va comunque affrontata con attenzione e responsabilità.

 

Occorre fare attenzione agli squilibri e sopperire, laddove serva, alle opportune integrazioni con le vitamine normalmente presenti nei cibi di origine animale.


Valentina Bolli mette in guardia dall’imporre un regime vegano a bambini e neonati, perchè il rischio è di creare importanti carenze nutrizionali (min 29’00”) e, nei casi più gravi, danni neurologici.

Credici! Attenzione poi alle promesse della pubblicità, per esempio sulle bevande gassate a zero calorie (min 48’00”): a lungo andare possono creare problemi alla flora batterica intestinale e non possono diventare l’abituale bevanda da pasto.

Il pubblico ha poi posto diverse domande sulle intolleranze a glutine e lattosio (min 52’40”), apparentemente diventate di moda. Gli ospiti sul palco hanno confermato come in molti casi la scelta di eliminare dalla propria dieta certi alimenti senza aver consultato uno specialista sia inutile se non dannosa. No quindi al fai-da-te (min 55’15”).

MAngiare bio. Dopo aver parlato dei benefici dell’aceto (1h0’00”), l’attenzione si è spostata sugli alimenti Bio: sono davvero di qualità migliore (01h11’48”)? Secondo Spisni sì: per esempio negli allevamenti animali che seguono criteri biologici vengono impiegati meno antibiotici rispetto all’allevamento convenzionale a tutto vantaggio della salute.

 

Ma il bio, sottolinea la Bolli, è molto caro ed è purtroppo riservato a un’elite di consumatori. La parola d’ordine è dunque consapevolezza (01h18’00”) soprattutto quando si fa la spesa.

Cibo buono e solidale. L’intervento è stato chiuso da Jacopo Loredan che ha presentato Robin Foood (01h19’40), un ente non profit fondato da Carla Lertola. Scopo di Robin Foood è chiedere a chi ha tanto “buon cibo” di darne a chi ne ha di meno.


Dal punto di vista pratico l’associazione, operativa in diversi comuni italiani, si occupa di donare pacchi alimentari completi, sani e nutrizionalmente equilibrati  alle famiglie in difficoltà.

 

Ad oggi è è presente a Savona e Milano e presto lo sarà anche a Torino. Migliorare la qualità del cibo migliora la qualità della vita e la salute delle persone e, nel lungo periodo, migliora il livello della società.

Sottofondo dell'incontro il brano "La piramide alimentare" composta dal duo Sun Idea per Robin Foood. 

19 Maggio 2017 | Rebecca Mantovani

Codice Sconto

Scopri chi è più

 

intelligente 

 

tra te

 

e tuo fratello