Il mal di schiena? Meno medicine, più meditazione
La lombalgia è una delle patologie più comuni. Ma per curare il mal di schiena il ricorso ai farmaci  dovrebbe essere solo l’ultima risorsa.
La cocaina ti cambia il cervello
Adesso sappiamo dove la sostanza produce alterazioni fisiologiche e perché è così difficile liberarsene.
Il sonno interrotto è normale?
Anche in un remoto villaggio del Madagascar, senza smartphone e corrente elettrica, il sonno è breve e interrotto. Le 7-8 ore di riposo notturno potrebbero essere un'invenzione moderna.
Il quasi-digiuno migliora la salute?
Uno studio rileva effetti positivi anti-invecchiamento per la dieta mima-digiugno: cinque giorni al mese si sta a stecchetto e per il resto si mangia normalmente.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

11 cose che (forse) non sai sull'alito cattivo
L’alito cattivo, tra storia e scienza.
Si può starnutire durante il sonno?
Seppur raramente, ci possono scappare anche quando dormiamo.
Verso una diagnosi precoce dell'autismo?
Alcune anomalie nello sviluppo del cervello nei primi mesi di vita potrebbero consentire di individuare i bambini che hanno più probabilità di andare incontro al disturbo.
Forse si può prevenire l'aborto spontaneo
Le interruzioni spontanee potrebbero avvenire per un disequilibrio tra cellule nell'endometrio: studiare il momento migliore per concepire potrebbe aiutare a evitarle.
La salmonella è un'arma anticancro?
Un approccio innovativo, sperimentato con successo per ora solo nei topi, ha utilizzato il microbo famoso per provocare le infezioni alimentari per trattare tumori.
Il primo passeggero di SpaceX: un super batterio
La compagnia si prepara a lanciare sulla ISS colonie di Staphylococcus aureus resistenti alla meticillina, per accelerarne lo sviluppo in microgravità e prevederne l'evoluzione.
Colesterolo alto addio. Con una iniezione
L'ingegneria genetica può mettere fine per sempre al colesterolo cattivo e ai problemi correlati, per adesso solamente nei topi.
Un modo sadico per smettere di fumare
La terapia dell'estinzione promette di ridurre la dipendenza da nicotina esponendo i fumatori a stimoli che spingano ad "accendere", senza permettere loro di farlo. Funziona? In parte sì.