COP21: la conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico vai allo speciale

2016: cala l'uso del carbone

Cina e India hanno ridotto l'uso del carbone: un passo in avanti per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, ma ancora non basta.

carbo2
Tra gennaio e luglio 2016 si è riscontrata una forte riduzione nell'uso del carbone: è la conseguenza di scelte attuate soprattutto da Cina e India.

L’energia elettrica prodotta nel mondo a partire dal carbone è scesa del 14% durante la prima metà del 2016. Lo rivela un rapporto della Global Coal Plant Tracker.

 

La produzione di energia dal carbone era già in discesa, negli ultimi anni, ma a tassi notevolmente inferiore a quanto successo in questi primi 6 mesi del 2016. Secondo i dati, l’energia elettrica prodotta da carbone è scesa da 1.090 gigawatt all’inizio del 2016 a 932 GW in luglio. La riduzione, 158 gigawatt, è paragonabile a tutta l’energia prodotta da carbone nell’Unione Europea. Ma non sono stati i Paesi europei gli artefici principali della riduzione, bensì la Cina (-114 GW) e l’India (-40 GW).


La produzione di energia elettrica nel 2015:
petrolio, carbone, gas e rinnovabili
carbone, energia elettrica, gas serra, riscaldamento globale, inquinamento
La riduzione nella produzione di energia elettrica da carbone nei primi mesi del 2016: clicca sull'immagine per ingrandirla. | IEA

I nuovi Paesi virtuosi. Negli ultimi mesi Cina e India avevano annunciato importanti provvedimenti mirati a una forte riduzione delle centrali a carbone. Anche altri Paesi del sudest asiatico hanno seguito il loro esempio: il Vietnam, ad esempio, ha rivisto il suo piano energetico e cancellato o rinviato la costruzione di nuve centrali a carbone per un totale di 23 GW, e l’Indonesia, che ha spostato a data da definire la costruzione di centrali a carbone per 7 GW.

 

Non basta. Va comunque sottolineato che nonostante questi risultati, benché positivi per la riduzione di gas serra e di particolato atmosferico, l’uso del carbone nel mondo (con i tanti progetti di costruzione di nuove centrali) produrrà una quantità di anidride carbonica che non permetterà di contenere l’aumento della temperatura terrestre al di sotto di 1,5 °C.

 

Le proiezioni suggeriscono che non diminuiranno neppure i decessi correlati all’inquinamento atmosferico, che secondo la International energy agency (IEA) sono 6,5 milioni di persone l'anno.

 

11 Settembre 2016 | Luigi Bignami