10 + 1 cose che (forse) non sai su Winston Churchill

Lo statista inglese era un pessimo scolaro e uno scavezzacollo. Amava i gatti, i bagni caldi e scrivere, e vinse anche il Nobel per la letteratura. 11 piccoli segreti di un grande politico del secolo scorso.

churchillchurchill-ipa_h28hb8churchill-ipa_e12wt7ufo-1673929_1920churchill_poster_war828727127_9b8a804e0d_oipa_dyr8ypchurchill-ipa_gg298jlondon-by-night-735085_1920animal-pet-mix-labrador-black-dog-hybrid-head-21847091024px-winston_churchill_as_prime_minister_1940-1945_mh26392391-365_relaxing_in_bath_6427571119Approfondimenti
churchill

Ricordato per la leadership inflessibile come Primo Ministro del Regno Unito durante la seconda guerra mondiale, Winston Churchill è considerato uno dei più grandi statisti della storia. Ma dietro la sua figura statuaria si nascondeva un uomo con piccoli-grandi tic, pregi, difetti e tante curiosità. Ne abbiamo raccolto 11, senza contare il fatto che avesse un tatuaggio.

churchill-ipa_h28hb8

Zero in condotta. Churchill ha ottenuto numerosi riconoscimenti nella sua carriera, ma la sua adolescenza non l’avrebbe mai fatto presagire. Fin dalla tenera età, non gli piaceva la scuola ed era un cattivo studente. E fu bocciato per due volte agli esami per entrare in scuola militare. Tuttavia, eccelleva in storia e in lingua e letteratura inglese.

churchill-ipa_e12wt7

Fuggiasco. Dopo la laurea, Churchill lavorò da giornalista anche come corrispondente di guerra (nella foto). Durante una missione in Sud Africa nel 1899, fu catturato dai guerriglieri boeri (discendenti degli olandesi che combattevano gli inglesi) e fu fatto prigioniero. Uomo di mille risorse però riuscì a fuggire scalando il muro della prigione nel mezzo della notte e si nascose in una miniera di carbone per tre giorni. Poi riuscì a trovare un passaggio sicuro via nave per l’Inghilterra...

ufo-1673929_1920

Amava la scienza e credeva negli alieni. Tra gli anni 20 e gli anni 30, Churchill ha scritto diversi articoli di scienza sulle cellule, l'evoluzione e la fusione nucleare. Incontrava regolarmente gli scienziati, favorendo lo sviluppo della tecnologia (per esempio il radar e il programma nucleare della Gran Bretagna durante la guerra)
Nel 1940, fu il primo presidente del Consiglio a nominare un consulente scientifico, il fisico Frederick Lindemann. Ma un suo saggio recentemente scoperto mostra come lo statista inglese negli anni '30 fosse convinto dell'esistenza di altre forme di vita al di fuori della Terra. Le sue visioni sul tema erano davvero molto moderne.

churchill_poster_war

Creatore di frasi ad effetto. A lui si deve l’espressione “cortina di ferro”, che usò per indicare il blocco sovietico che andava prendendo forma alla fine della seconda Guerra mondiale, nel marzo 1946. Ma Churchill è autore anche di aforismi prodigiosi come “Il successo non è mai definitivo, il fallimento non è mai fatale; è il coraggio di continuare che conta” e “Una mela al giorno leva il medico di torno… se hai una buona mira”.

828727127_9b8a804e0d_o

Letterato. Churchill è l'unico primo ministro ad aver ricevuto il premio Nobel per la letteratura. Mentre i leader politici può accadere che vengano insigniti con il Nobel per la Pace, a lui toccò quello per la letteratura, nel 1953 per “la padronanza della descrizione storica e biografica, nonché per la brillante oratoria in difesa dei valori umani”. Churchill scrisse più di 20 libri, tra cui le sue avventure militari in India e Sud Africa, una biografia di suo padre, storie di entrambe le guerre mondiali, e anche un romanzo.
Nella foto, il Nobel consegnato a Churchill che aveva la "forma" di una copia del suo libro Grandi contemporanei rilegato con una copertina in argento.

ipa_dyr8yp

Gattofilo. Sappiamo anche che amava i gatti. Il suo più famoso compagno felino, Jock, era al suo fianco quando morì nel 1965. E in conformità ai suoi desideri, un gatto rosso chiamato Jock risiede ancora a Chartwell, la casa di famiglia.

churchill-ipa_gg298j

Resistente. Da giovane, Churchill ha subito una commozione cerebrale e si è rotto un rene, mentre giocosamente si lanciava da un ponte. In seguito, è quasi annegato in un lago svizzero, è caduto diverse volte da cavallo, si è slogato la spalla, si è schiantato con un aereo, mentre imparava a volare (nella foto) ed è stato investito da un'auto attraversando la Fifth Avenue di York. Nessuno di questi incidenti, però, lo ha ucciso. Ha vissuto fino a 90 anni (prima di soccombere ad un ictus).

london-by-night-735085_1920

Puntuale. Era puntuale in modo ossessivo e non ammetteva ritardi: Quando pensava che il suo orologio fosse stato manomesso, chiedeva l'ora a tutti gli ospiti per verificare che il tempo non gli sfuggisse.

animal-pet-mix-labrador-black-dog-hybrid-head-2184709

Depresso. Durante la sua vita, Churchill probabilmente ha sofferto di depressione maniacale, un male oscuro che chiamava il “cane nero”. A volte, la depressione era così grave che aveva paura di trovarsi vicino a un treno in corsa o sul ponte di una nave perché temeva di essere tentato di suicidarsi. Durante gli attacchi di depressione, Churchill passava una grande quantità di tempo a letto e perdeva la leggendaria capacità di concentrazione. Quando recuperava da un tale attacco, diceva: “finalmente tutti i colori tornano in scena".

1024px-winston_churchill_as_prime_minister_1940-1945_mh26392

…Ed energico. Quando non era depresso, Churchill era notoriamente pieno di energia, di solito lavorava fino alle prime ore del mattino, rimbalzando da una questione all’altra, si dice anche per via delle pillole di anfetamina che prendeva per curarsi dalla depressione.

391-365_relaxing_in_bath_6427571119

In umido. Alcuni biografi dicono che Churchill era solito farsi almeno due bagni al giorno, per liberarsi dallo stress. Ma pare anche che l’acqua calda lo aiutasse a riflettere e appena poteva ci si immergeva. Un aneddoto vuole che durante la sua visita di 24 giorni negli Usa, nel 1941, Churchill avesse appena fatto il bagno e camminava in giro nudo, quando Roosevelt entrò nella sua stanza. Il Presidente imbarazzato fece per andarsene, ma Churchill gli disse di non farlo, spiegandogli che non aveva nulla da nascondere dal suo più stretto alleato.

Ricordato per la leadership inflessibile come Primo Ministro del Regno Unito durante la seconda guerra mondiale, Winston Churchill è considerato uno dei più grandi statisti della storia. Ma dietro la sua figura statuaria si nascondeva un uomo con piccoli-grandi tic, pregi, difetti e tante curiosità. Ne abbiamo raccolto 11, senza contare il fatto che avesse un tatuaggio.