Come sono nate le tradizioni del Natale?

Chi ha inventato Babbo Natale? E l'albero addobbato? Il presepe (con o senza bue ed asinello) a quando risale? Ecco come e quando sono comparse le usanze della festa più amata dell'anno. 

ipa_axp9m5_1nativita_con_i_santi_francesco_e_lorenzoipa_ea2xx3_1ipa_cwfc0y_1ipa_beamt5_1clementmoorejenny-nystrc3b6m-5ipa_d24daecometagiottocon_00454465_1ipa_bpjkn1_1ipa_b84t4hstillenachtbingcrosby-christmasApprofondimenti
ipa_axp9m5_1

Gesù nacque nell'anno zero?
No, non nacque nel primo anno della nostra era, bensì dopo o (quasi certamente) prima. Attorno al 6-7 a.C., secondo la maggior parte degli studiosi. Dei quattro evangelisti canonici, due (Marco e Giovanni) non dicono nulla sul tema; un terzo dedica al Natale un versetto telegrafico: “Gesù nacque a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode” (Matteo, 2: 1). Solo il Vangelo di Luca indugia su qualche dettaglio.
Tanto silenzio non deve stupire: i primi cristiani consideravano sconveniente parlare di certi aspetti della vita del Messia, ritenuti troppo “terreni”.

nativita_con_i_santi_francesco_e_lorenzo

Ma almeno è nato il 25 dicembre?
La data del 25 dicembre in cui il Natale cristiano festeggia la nascita di Gesù è convenzionale ed è documentata nei calendari delle festività religiose a partire dal III-IV secolo d. C.
Chi scava alle radici della festa cristiana non trova evangelisti, infatti, ma un paganissimo imperatore romano, e un papa. L’imperatore era Aureliano che, volendo unificare culturalmente il mondo romano, nel 274 istituì per decreto un dio uguale per tutti i sudditi (il Sol invictus), fissandone la festa (Dies natalis) poco dopo il solstizio d’inverno, quando le giornate ricominciano ad allungarsi. Così i cristiani trovarono il Natale del Dio Unico già bell’e pronto. E presto sostituirono il Sole con Gesù. Poi arrivò il papa, che si chiamava Giulio I: probabilmente fu lui a fissare ufficialmente la festa a fine dicembre. Ciò accadde entro il 352, quando il cristianesimo era legale da 40 anni scarsi.

ipa_ea2xx3_1

Chi ha inventato il panettone?
Ci sono diverse leggende sulla nascita del dolce italiano natalizio per eccellenza (vedi video), ma una delle più famose racconta che il panettone fu inventato a Milano dal cuoco di Ludovico il Moro.
Il primo a scrivere di una focaccia dolce che ricorda l’impasto del panettone fu Cristoforo di Messisbugo, un cuoco di Ferrara che nel 1549 in un suo ricettario parlava di un dolce fatto dalle parti di Milano, a base di farina, burro, zucchero uova e latte. Non c’erano ancora uvette e canditi, ma l’impasto era lo stesso.


Leggi anche: È nato prima il pandoro è il panettone?
Guarda anche il video: comè nato il Panettone

ipa_cwfc0y_1

Chi ha fatto il primo albero di Natale?
Secondo la leggenda fu San Bonifacio (ca. 673-754) che, per convertire i popoli germanici, abbatté una quercia sacra ai pagani e, per riparare all’offesa, regalò un piccolo abete che addobbò appoggiando sui rami delle candele accese che simboleggiavano la discesa dello Spirito Santo sulla terra con la venuta del “bambino Gesù”. Una curiosità: ogni anno in Nord America vengono tagliati circa 40 milioni di alberi di Natale .


Leggi anche: Il Natale si festeggia ovunque il 25 dicembre?

ipa_beamt5_1

Perché si mettono i doni sotto l'albero di Natale?
Questa usanza arriva dal Nord Europa. A portarli però non è soltanto Babbo Natale, ma anche san Nicola di Bari, santa Lucia e san Martino (l’11 novembre).


Leggi anche: Come smaltire imballi e carta da regali

clementmoore

Chi ha inventato Babbo Natale e Santa Claus?
Santa Claus (nella "versione italiana" Babbo Natale) esce dalla penna di Clement Clarke Moore nel 1823 che scrive la poesiola “Era la notte prima di Natale” per divertire i propri figli la notte del 24 dicembre. Santa Claus somiglia a un nissen, folletto della mitologia vichinga, e viaggia su una slitta tirata da renne.


Leggi anche: San Nicola e la leggenda di Babbo Natale

jenny-nystrc3b6m-5

Chi è la mamma di babbo Natale?
Si potrebbe dire che sia l'illustratrice svedese Jenny Nyström (1854 - 1946) che nel 1875 illustra una serie di cartoline augurali con le prime immagini di un Babbo Natale come lo conosciamo oggi: i suoi vestiti però sono di colore verde.


Leggi anche: La psicologia di babbo Natale

ipa_d24dae

Ma allora chi ha vestito di biancorosso Babbo Natale?
È colpa dell’illustratore americano Haddon Sundblom che nel 1930 codificò l’abito biancorosso di Babbo Natale. Lo fece per la Coca-Cola, che usò Babbo Natale come testimonial fisso della sua bibita.


Leggi anche: Babbo Natale? Porta i regali ai bambini ricchi

cometagiotto

Dove compare la prima stella cometa?
Il primo artista che dipinse la stella cometa fu Giotto nella Cappella degli Scrovegni. Da allora, la stella cometa che guida i re Magi verso Gesù diventa quasi un dogma anche se i testi antichi che raccontano la storia dei Magi parlano solo di un “astro anomalo”.


Leggi anche: Le migliori località da cui osservare le stelle

con_00454465_1

A quando risale la tradizione del bue e dell'asinello?
Il bue e l'asinello inserito nella scena della natività risale ai vangeli apocrifi. Il primo a parlarne fu un testo, forse risalente forse al IV secolo, a cui un falsario aggiunse la firma di san Matteo.


Leggi anche: I Re Magi sono realmente esistiti?

ipa_bpjkn1_1

Dove fu allestito il primo presepe vivente italiano?
A Greccio, in provincia di Rieti, e fu voluto da san Francesco. Ma soprattutto in Provenza, già nei decenni precedenti, si rappresentava la Natività di Gesù.

ipa_b84t4h

Chi ha inventato la ricetta del mandorlato?
Il dolce tipico delle feste natalizie e prodotto con miele, zucchero, albume d'uovo e mandorle nella zona di Cologna Veneta (Verona), fu realizzato dallo speziale Antonio Finco nel suo laboratorio di Cologna Veneta. Dove ancora oggi, ogni anno, con la festa dell'Immacolata Concezione, si festeggia la produzione pluricentenaria del dolce. Si dice anche che forse il mandorlato si produceva già ai tempi della signoria degli Scaligeri nel XIII-XIV secolo.


Leggi anche: Perché ci piacciono i dolci?

stillenacht

Chi ha composto astro del ciel? La canzone tradizionale di Natale più famosa, Stille nacht, tradotta in 65 lingue (in italiano Astro del ciel) arriva dall’Austria. A inventarsela, nel 1818, fu Joseph Mohr, curato del paesino di Oberndorf, che la notte della vigilia si accorse con sgomento che l’organo della chiesa era fuori uso. Per non deludere i parrocchiani buttò giù qualche verso sulla calma (stille) che regna sovrana mentre scende la Santa Notte (nacht). L’organista ci compose sopra la melodia per il coro: quella canzone piacque a tal punto che da allora Stille nacht è entrata nel repertorio.


Leggi anche: Conciati per le feste

bingcrosby-christmas

Qual è la canzone di Natale moderna più famosa al mondo? Si tratta di White Christmas, scritta da Irving Berlin nel 1940 e cantata da Bing Crosby per la prima volta il giorno di Natale del 1941 durante uno programma radiofonico della NBC. Bing Crosby la registrò nel 1942 e la canzone fu premiata con l'Oscar alla migliore canzone nel 1943. Da allora, moltissimi artisti hanno inciso questa canzone, ma il disco di Crosby è stato il più venduto della storia per 50 anni, con circa 50 milioni di copie. Fu scalzato dalla classifica delle vendite solo nel 1997 da Candle in the wind, il brano cantato da Elton John al funerale della principessa Diana.


Leggi anche: Guida allo shopping online senza fregature

Gesù nacque nell'anno zero?
No, non nacque nel primo anno della nostra era, bensì dopo o (quasi certamente) prima. Attorno al 6-7 a.C., secondo la maggior parte degli studiosi. Dei quattro evangelisti canonici, due (Marco e Giovanni) non dicono nulla sul tema; un terzo dedica al Natale un versetto telegrafico: “Gesù nacque a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode” (Matteo, 2: 1). Solo il Vangelo di Luca indugia su qualche dettaglio.
Tanto silenzio non deve stupire: i primi cristiani consideravano sconveniente parlare di certi aspetti della vita del Messia, ritenuti troppo “terreni”.