World Press Photo 2017, i vincitori

Attualità, natura, sport, storie: l'anno appena trascorso raccontato attraverso gli scatti dei più prestigiosi e quotati fotoreporter del mondo.

001_burhan-ozbilici_the-associated-press002_jonathan-bachman_thomson-reuters014_peter-bauza021_tomas-munita_the-new-york-times033_santi-palacios039_sergey-ponomarev_the-new-york-times071_francis-perez072_nayan-khanolkar073_jaime-rojo074_brent-stirton_getty-images_national-geographic-magazine079_ami-vitale_national-geographic-magazine082_bence-mte101_tom-jenkins_the-guardian102_cameron-spencer_getty-images103_kai-oliver-pfaffenbach_thomson-reuters106_giovanni-capriotti110_michael-hanke112_darren-calabrese124_ameer-alhalbi_agence-france-presse126_mathieu-willcocksApprofondimenti
001_burhan-ozbilici_the-associated-press

World Press Photo of the Year, vincitore assoluto - Burhan Ozbilici, The Associated Press
La foto vincitrice del World Press Photo 2017 ritrae l'attentatore Mevlut Mert Altintas nell'istante dopo aver sparato all'ambasciatore russo in Turchia, il 19 dicembre 2016, in una galleria d'arte di Ankara. Burhan Ozbilici, un fotografo dell'agenzia Associated Press, si è trovato a documentare l'attentato per caso: passando dalla galleria di ritorno dal lavoro, ha notato la presenza dell'ambasciatore e ha pensato di scattare foto per esigenze "d'archivio". Quando l'uomo ha iniziato a sparare, nonostante la paura il reporter ha fatto il suo dovere: raccontare l'accaduto.

Il prestigioso concorso di fotogiornalismo, alla 60esima edizione, ha visto quest'anno la partecipazione di più di 80 mila scatti, realizzati da 5.034 fotografi.

002_jonathan-bachman_thomson-reuters

Contemporary Issues, 1° premio - Jonathan Bachman, Thomson Reuters
Baton Rouge, Louisiana, luglio 2016: la protesta di Leshia Evans, infermiera e attivista per i diritti dei neri, durante una manifestazione per l'uccisione dei cittadini afroamericani Philando Castile e Alton Sterling. Le proteste che hanno cambiato la storia

014_peter-bauza

Contemporary Issues, 3° premio - Peter Bauza
"Copacabana Palace" è il titolo di una serie di scatti che ritrae un gruppo di oltre 300 famiglie ospiti di un condominio fatiscente del quartiere sud di Rio de Janeiro, associato nell'immaginario comune a spiagge da sogno, ma caratterizzato dalla povertà. Edilane è qui ritratta con tre dei suoi sette figli, più quello che sta per nascere: la donna guadagna 5 dollari al giorno grazie a una piccola attività di commercio online.

021_tomas-munita_the-new-york-times

Daily Life, 1° premio, Storie Tomas Munita, The New York Times
Gli uomini dell'Ejercito Juvenil del Trabajo attendono schierati il passaggio della bara di Fidel Castro, all'alba e nella nebbia, il 3 dicembre 2016, sulla strada per Santiago di Cuba, dove le ceneri dell'ex Presidente ora riposano.

033_santi-palacios

General News, 2° premio - Santi Palacios
Luglio 2016: due fratelli, una bambina di 11 anni e un bambino di 10, piangono sulla nave che li ha soccorsi, a circa 23 km a nord della Libia. Rimasti orfani e fuggiti dal Paese hanno aspettato per ore su un gommone sovraffollato l'arrivo di soccorritori.

039_sergey-ponomarev_the-new-york-times

General News, 2° premio, Storie - Sergey Ponomarev, The New York Times
Il dramma di una famiglia in fuga da Mosul, la seconda città più grande dell'Iraq. Sullo sfondo il fumo dei pozzi di petrolio di Qayyara che bruciano.

071_francis-perez

Natura, 1° premio - Francis Pérez
Una tartaruga Caretta caretta impigliata in una rete da pesca, al largo della costa di Tenerife, nella Isole Canarie, in Spagna, 8 giugno 2016. Le tartarughe marine sono considerate una specie a rischio dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura.

072_nayan-khanolkar

Natura, 2° premio - Nayan Khanolka
Un incontro ravvicinato con un leopardo selvaggio in cerca di cibo, cani o maiali, negli insediamenti umani delle vicinanze del Sanjay Gandhi National Park, una zona protetta nella parte settentrionale di Mumbai (India).

073_jaime-rojo

Natura, 3° premio - Jaime Rojo
Dopo una forete tempesta di neve, il terreno della foresta di El Rosario, nel Michoacan, si è ricoperto di una coltre bianca... e di un tappeto di farfalle monarca. La tempesta ha colpito le montagne del Messico centrale il 12 marzo 2016, creando scompiglio nelle colonie di svernamento delle farfalle monarca proprio mentre stavano per iniziare la migrazione verso Stati Uniti e Canada.

074_brent-stirton_getty-images_national-geographic-magazine

Natura, 1° premio, Storie - Brent Stirton, Getty Images per National Geographic Magazine
Brent Stirton è un afficionado del World Press Photo. Lo ha già vinto diverse volte. Quest'anno è stato premiato per un servizio sul traffico di corni di rinoceronte all'interno del Parco nazionale Kruger, la più grande riserva di rinoceronti al mondo lungo il confine tra Mozambico e Sudafrica, dove è in corso una battaglia tra bracconieri e piccole ONG che cercano di proteggere questa specie rara. Nella foto, un rinoceronte nero morto nella riserva di Hluhluwe Umfolozi, Sudafrica. Probabilmente gli assassini appartenevano a una comunità locale che vive a circa 5 chilometri di distanza, e sono entrati nel parco illegalmente.

079_ami-vitale_national-geographic-magazine

Natura, 2° premio, Storie - Ami Vitale per National Geographic Magazine
Una femmina di panda gigante di sette anni con il suo cucciolo. I cuccioli di panda alla nascita sono molto piccoli, ciechi e i loro arti sono così deboli che non sono in grado di stare in piedi. Per i primi due mesi, mangiano e dormono soltanto. Nel 2016 il panda gigante è stato dichiarato non più a rischio estinzione

082_bence-mte

Natura, 3° premio, Storie - Bence Máté
Il fotografo ungherese Bence Máté ha realizzato un servizio sulla savana di notte. Utilizzando un telecomando e posizionando le fotocamere in posti strategici è riuscito a documentare le abitudini notturne degli animali della savana. Altre foto della savana by night

101_tom-jenkins_the-guardian

Sport, 1° premio - Tom Jenkins, The Guardian
Una brutta caduta per Nina Carberry, la fantina di Sir Des Champs.

102_cameron-spencer_getty-images

Sport, 2° premio - Cameron Spencer, Getty Images
Il francese Gael Monfils si tuffa per recuperare una palla durante la partita contro il russo Andrey Kuznestov agli Australian Open, Melbourne, in Australia, 25 gennaio 2016.

103_kai-oliver-pfaffenbach_thomson-reuters

Sport, 3° premio - Kai Oliver Pfaffenbach, Reuters
Una foto che ha fatto il giro del mondo durante le olimpiadi di Rio: il giamaicano Usain Bolt sorride e guarda indietro mentre vince la semifinale dei 100 metri.

106_giovanni-capriotti

Sport, 1° premio, Storie - Giovanni Capriotti
Un vincitore italiano, Giovanni Capriotti, che ha realizzato un prgetto sulla prima squadra di giocatori gay di Toronto, formatasi nel 2003. Nella foto, il giocatore della squadra di rugby dei Muddy York RFC Jean Paul Markides (a sinistra) bacia il suo partner e compagno di squadra Kasimir Kosakowski, al Gay Pride di Toronto, 3 luglio 2016.

110_michael-hanke

Sport, 2° premio, Storie - Michael Hank
Due giocatori a un torneo. Hank è stato premiato per un servizio fotografico realizzato seguendo nel 2016 alcuni tornei per giovani scacchisti in Repubblica Ceca.

112_darren-calabrese

Sport, 3° premio, Storie - Darren Calabrese
Lindsay Hilton è nata senza braccia e senza gambe. Ma è un'appassionata di sollevamento pesi,nuoto, calcio, hockey e soprattutto rugby. E il suo fisico non le ha impedito di seguire le sue passioni. Lindsay è in grado di sollevare fino a 45 kg, aiutandosi con catene, cinghie e velcro. Alla domanda su cosa la motiva e se si senta realizzata, Lindsay risponde: «Non mi sento come se avessi davvero fatto qualcosa perché io non voglio essere "brava" per essere qualcuno senza braccia e gambe, voglio essere brava e basta».

124_ameer-alhalbi_agence-france-presse

Spot News, 2° premio, Storie - Ameer Alhalbi, Agence France-Presse
Aleppo, 11 settembre 2016. Due uomini corrono tra le macerie del qusrtiere Salihin, ditrutto da un bombardamento aereo. Portano in salvo due bambini.

126_mathieu-willcocks

Spot News, 3° premio, Storie Mathieu Willcocks
Un gruppo di migranti eritrei stipato nella stiva di una grande barca di legno che trasportava circa 540 tra uomini, donne e bambini. Quando i migranti eravamo noi: le foto storiche

World Press Photo of the Year, vincitore assoluto - Burhan Ozbilici, The Associated Press
La foto vincitrice del World Press Photo 2017 ritrae l'attentatore Mevlut Mert Altintas nell'istante dopo aver sparato all'ambasciatore russo in Turchia, il 19 dicembre 2016, in una galleria d'arte di Ankara. Burhan Ozbilici, un fotografo dell'agenzia Associated Press, si è trovato a documentare l'attentato per caso: passando dalla galleria di ritorno dal lavoro, ha notato la presenza dell'ambasciatore e ha pensato di scattare foto per esigenze "d'archivio". Quando l'uomo ha iniziato a sparare, nonostante la paura il reporter ha fatto il suo dovere: raccontare l'accaduto.

Il prestigioso concorso di fotogiornalismo, alla 60esima edizione, ha visto quest'anno la partecipazione di più di 80 mila scatti, realizzati da 5.034 fotografi.