La stanza più silenziosa del mondo

Microsoft ha costruito una camera così silenziosa che, al suo interno, sentiremmo il sangue scorrere nelle vene. E rischieremmo di impazzire.

microsoft_eckel_chamber_highres
La camera anecoica di Microsoft detiene il record mondiale del silenzio.|Microsoft

Il luogo meno rumoroso del pianeta si trova a Redmond, negli Stati Uniti: è la camera anecoica - un locale costruito in modo da ridurre il più possibile la riflessione di segnali sulle pareti - utilizzata dagli ingegneri di Microsoft per testare i rumori generati da prodotti come la Xbox, le Hololens e i computer di prossima generazione.

 

Secondo quanto riportato dalla BBC, è questa la struttura che detiene il record mondiale del silenzio: al suo interno il rumore di fondo percepibile raggiunge i -20,6 decibel. Un valore sorprendente se si considera che l’intensità del nostro respiro raggiunge, in media, i 30 decibel, mentre quella del respiro di una persona vicina a noi arriva a 10 decibel.


Camere anecoiche, i luoghi più silenziosi del mondo:
il precedente record

Per costruirla sono stati necessari due anni di lavoro e ben sei strati di materiali fonoassorbenti che isolano completamente la camera dal resto del mondo: se un aereo di linea dovesse decollare nelle immediate vicinanze della camera, le persone al suo interno non percepirebbero altro che un lievissimo brusio.

 

 

La struttura è una stanza perfettamente cubica, con lati di 6,36 metri, tappezzata da sofisticati materiali che, anche grazie alle loro geometrie, non permettono al suono di riflettersi.

Entrando in questo locale si diventa insomma l'unica fonte di rumore. E una volta che il nostro udito si è abituato al silenzio assoluto, inizia a percepire tutti i suoni prodotti dal nostro corpo: il battito cardiaco, lo scorrere del sangue nelle vene, l'aria che entra e esce dai nostri polmoni. E le ossa che sfregano sulle cartilagini. L'esperienza può risultare così estrema da far perdere l'equilibrio fisico e psicologico a chi soggiorna al suo interno. | Shutterstock

UN SILENZIO INSOPPORTABILE. È facile pensare che un luogo del genere sia anche gradevole da visitare per trovare un po’ di pace lontano da ogni forma di rumore. Nulla di più falso. Per la stragrande maggioranza delle persone l’esperienza all’interno di una camera anecoica risulta fastidiosa, in alcuni casi estremamente disturbante. Nell’ambiente, una volta chiusa la porta, potremmo arrivare a sentire il "suono" dei nostri bulbi oculari che si muovono nelle orbite, le ossa che sfregano sulle cartilagini, il pulsare del cuore... E il rumore che produciamo quando deglutiamo sarebbe insopportabile.

 

Record di permanenza. Alcuni riescono a restarci solo per qualche secondo; chi ha resistito un quarto d’ora è uscito in preda a claustrofobia, nausea, attacchi di panico, allucinazioni uditive.

 

Il record di permanenza in una camera anecoica (quella dei Orfield Labs di Minneapolis) spetta allo scrittore George Foy, cultore dei luoghi silenziosi e autore di un saggio che, non certo a caso, si chiama Zero decibel: è rimasto al suo interno per 45 minuti!

 

Persino lui però ha trovato poco confortevole l’isolamento acustico totale: «Dopo poco ho iniziato a sentire il rumore della mia respirazione, così ho trattenuto il respiro. Allora è diventato chiaro il battito del cuore – e per eliminarlo non potevo fare nulla. Via via che i minuti passavano, ho iniziato ad avvertire il sangue che scorreva nelle vene. Ho aggrottato le sopracciglia e ho sentito il mio scalpo che si muoveva sulle ossa del cranio». Poi Foy ha provato a rilassarsi, e afferma di esserci riuscito. Uscendo dalla stanza ha però dovuto ammettere che la sua ricerca del silenzio perfetto era destinata a fallire, perché «il silenzio assoluto si può sentire solo da morti».

01 Giugno 2017 | Gianluca Liva