7 invenzioni geniali che esistono solo in Giappone

Le foto di 7 piccole trovate fatte per semplificarsi la vita (o complicarsela, a seconda dei punti di vista).

shutterstock_576748681
Le strisce pedonali diagonali nel celebre incrocio di Shibuya, a Tokyo. Una trovata geniale e indispensabile allo stesso tempo, per l'attraversamento considerato tra i più affollati al mondo. 16 comodità giapponesi che tutti dovrebbero avere|Shutterstock

Come sapete, siamo fan delle invenzioni del genere come vivere senza! Il Giappone è da sempre la patria di questo genere di intuizioni (e dei loro inventori): proseguiamo la serie delle trovate geniali con queste nuove aggiunte selezionate da Instagram, e avvistate da qualche fortunato viaggiatore.

 

1) I sedili del treno girevoli

 

 

Un post condiviso da Jörg Hemker (@joerghemker) in data:

 

Niente torcicollo per ammirare il panorama, ma soprattutto niente mal di viaggio: sui "treni proiettile" giapponesi i sedili ruotano di 180 gradi, in modo da restare sempre orientati nella direzione di marcia. Una trovata semplice ma talmente confortevole che si è diffusa anche in altri paesi, come la Norvegia.

 

2) Il casco con il passa-coda

 

 

Un post condiviso da Chloé Vvs (@piece_of_design) in data:

 

Chindōgu è un termine giapponese che indica l'arte di inventare oggetti (utili ma) inutilizzabili, cioè senza una precisa finalità commerciale. Come questo casco per pettinature raccolte, che - scommettiamo - se venisse messo in vendita andrebbe a ruba.

 

3) Le pantofole da bagno

 

 

Un post condiviso da @nn.naru.uu in data:

 

I giapponesi considerano il bagno il luogo più sporco della casa (anche se raramente lo è). Per questo è facile trovare, nelle case, un paio di ciabatte ad hoc davanti alle tavolette da wc più tecnologiche del mondo (Vedi anche: la carta igienica per smartphone nei bagni giapponesi).

 

4) Il cognome al posto del numero

 

 

Un post condiviso da Tomomi Enno (@tomomienno) in data:

 

La maggior parte delle strade secondarie giapponesi non ha un nome: ci si orienta seguendo prima le indicazioni del quartiere e poi per blocchi di case, suddivisi a loro volta per anno di costruzione e ordine di iscrizione al catasto. Per comodità, quindi, capita di leggere il cognome dei proprietari direttamente sulla porta, al posto del numero civico. Così li si trova prima.

 

5) Il tovagliolo per hamburger

 

 

Un post condiviso da Double Vee (@deejaydoublevee) in data:

 

Evita non solo la figuraccia di formaggio e salsa sparsi sulla faccia, ma anche l'imbarazzo di dover spalancare la bocca per addentare il panino. Una situazione che per le donne, nel Paese del Sol Levante, è considerata sconveniente. Il sorriso stampato sul fazzoletto nasconde le dinamiche della masticazione. Parlando di pasti e imbarazzi, un'altra situazione spinosa potrebbe essere quella di doversi soffiare il naso a tavola. Il gesto è considerato una maleducazione in ogni situazione pubblica, ma assolutamente disdicevole durante i pasti.

6) I parcheggi per ombrelli

 

 

Un post condiviso da Moni (@monikakuelsheimer) in data:

 

Si trovano all'ingresso di molti edifici. Si lascia l'ombrello lucchettato e non bisogna più preoccuparsi di portarlo con sé, bagnare la borsa, metterlo in un sacchetto, non trovarlo più all'uscita...

 

7) I seggiolini per bambini nei bagni pubblici

 

 

Un post condiviso da Jörg Hemker (@joerghemker) in data:

 

Il sogno di ogni genitore che si trovi a dover andare alla toilette con pargolo appresso. Lasciarlo fuori da solo, se molto piccolo, non è una buona idea, ma anche appoggiarlo sul pavimento non è il massimo. Con questo seggiolino fissato al muro in cui assicurare i figli, i genitori si sentiranno un po' osservati... ma tanto ci sono abituati.

 

09 Luglio 2017 | Elisabetta Intini