Il castello di sabbia perfetto (secondo la scienza)

Scienziati inglesi armati di secchielli e palette svelano la formula per costruire il castello di sabbia perfetto.

castellodisabbia
|Shutterstock / Phil McDonald

Qual è il segreto di un castello di sabbia grande, (bello) e resistente? Pare ci sia una formula scientifica capace di spiegarlo.

 

Ad affermarlo è Matthew Bennett, docente di scienze ambientali e geografiche alla Bournemouth University, che rivela che la sua ricetta è frutto di uno studio condotto sulle spiagge inglesi dopo che una società turistica sfidò Bennett e i suoi colleghi a trovare una formula per costruire il castello di sabbia perfetto.

 

«Come studioso di sedimenti», spiega Bennett, «ho cominciato a riflettere sul tipo di spiaggia e sabbia che avrebbero potuto funzionare meglio per i castelli.» Il team ha iniziato un meticoloso lavoro sul campo, anzi, sulle dieci spiagge più popolari del Regno Unito, e alla fine sembrano avere trovato la risposta.

 

Ecco infine svelati dalla scienza tutti i segreti dei castelli di sabbia: pensate che siano solo giochi per bimbi? Queste opere temporanee vi faranno cambiare idea.

La formula segreta. Un elemento chiave è la giusta quantità di acqua. La proporzione perfetta è di 1:8, ossia un secchio d’acqua ogni otto di sabbia: «Questa combinazione garantisce ore di divertimento», sancisce il professore.

 

Anche l'estetica fa la sua parte: ciotoli, conchiglie, frammenti di legno, ghiaia e piume sapientemente inserite nella struttura la renderanno più bella, ma, soprattutto, più solida.

 

Strumenti e materiali. I ricercatori inglesi hanno indagato anche sugli strumenti di lavoro. I secchielli migliori sono quelli semplici, senza decorazioni in rilievo: il secchiello semplice permette di realizzare una quantità di strutture architettoniche senza tutti quegli elementi decorativi che tendono a sfaldarsi rapidamente.

 

 

Pale, palette e rastrelli devono essere di dimensione adeguata: le misure giuste dipendono dall'età dei costruttori, ma in ogni caso, affermano gli scienziati, la dotazione ottimale è costituita da un mix di misure differenti. 

 

Infine, la sabbia: quella migliore, sentenziano gli scienziati inglesi (senza tuttavia fare il nome della spiaggia migliore) non è né troppo fine né troppo grossa.

 

 

Il segreto dell'acqua. Sabbia troppo asciutta provocherà lo sgretolamento dell'edificio, mentre un eccesso d'acqua farà liquefare il castello sotto i vostri occhi. «La resistenza di un castello di sabbia dipende da come i grani di sabbia interagiscono tra loro», commenta Bennett arrivando all'aspetto più scientifico della questione, la tensione superficiale dell'acqua, per la quale ogni granello di sabbia risulta avvolto in una sottile pellicola che, nell'insieme, conferisce compattezza. Con l'acqua di mare va considerato anche l'effetto del sale, che si comporta come una colla, rafforzandone tenuta e stabilità dell'intera costruzione.

 

24 Giugno 2017 | Andrea Rubin