10 armi per le guerre spaziali

Alcune storiche, altre attuali, altre mai realizzate: lo Spazio visto come arsenale militare.

02-missiles03-darpa-mahem04-project-thel05-weaponized-satellites06-soviet-almaz-space-station07-manned-orbiting-laboratoryatlas-b_icbmx410-anti-satellite-systems11asteroidApprofondimenti
02-missiles

Missili. L'invenzione del razzo segue quella della polvere da sparo, in Cina, un migliaio di anni fa, ma è solo nel XVIII secolo che viene usato in guerra, quando l'inventore inglese Sir William Congreve prende spunto dai razzi indiani in bambù per creare i primi esemplari in metallo. Dopo le campagne militari inglesi nelle Indie, i razzi furono utilizzati nella Guerra di secessione americana e nella Prima guerra mondiale. La svolta tecnologica arriva però con la Seconda guerra mondiale e i razzi tedeschi V-2 i cui segreti, finita la guerra, caddero in mano a Urss e Usa. Con la Guerra fredda è poi cominciata la corsa allo spazio e i razzi sono diventati "una cosa seria" con gli Icmb (missili balistici intercontinentali) e i lanciatori usati per le missioni spaziali.

03-darpa-mahem

MAHEM. L'agenzia della difesa Usa, la Darpa (da cui nascono anche Internet e le olimpiadi dei robot) ha lavorato (o tutt'ora lavora) al MAHEM (Magneto Hydrodynamic Explosive Munition): un'arma capace di sparare un'intera salva di proiettili esplosivi a frammentazione e alta capacità di penetrazione, in grado di fondere anche le più resistenti armature, liquefacendo il metallo. Quest'arma, resa popolare da romanzi di fantascienza come Ombre sulla Luna (Arthur C. Clarke, 1955), ha una pagina dedicata nel sito della Darpa dove si legge che potrebbe equipaggiare anche missili e satelliti artificiali.

04-project-thel

Project THEL. Il Tactical High Energy Laser (laser tattico ad alta energia) è nato nel 1996 come progetto congiunto tra Usa e Israele. L'arma può fare esplodere un obiettivo a mezz'aria: durante il decennio di sviluppo ha dimostrato la sua efficienza su razzi, proiettili di mortaio e di artiglieria. Il programma non è più attivo, ma è possibile che la tecnologia sia usata dall'esercito Usa per un laser ancora più potente.

05-weaponized-satellites

Il martello di dio. Con tanti satelliti in orbita attorno alla Terra, quanto sarebbe difficile dotarne uno con un'arma pronta a sparare sulla Terra o su altri satelliti? Andrebbe contro trattati come quello sullo Spazio extra-atmosferico, ma i trattati non sono mai stati un vero ostacolo. Tra i progetti di cui ogni tanto si scopre qualcosa c'è l'inquietante Rods from God, un'arma a energia cinetica di cui si è vista la verosimile e catastrofica efficienza nel film G.I. Joe, la vendetta, del 2013 (trailer, con la sequenza della distruzione di Londra).

06-soviet-almaz-space-station

Almaz. La stazione spaziale Almaz dell'Urss fu concepita come punto d'osservazione strategico. Lanciata nel 1973 col nome di Salyut-2, spacciata per un modulo Salyut, doveva ospitare un equipaggio incaricato di osservare le battaglie dall'alto e fornire assistenza strategica. Un problema tecnico mise però fuori uso il modulo, che precipitò a meno di due mesi dal lancio. Le successive Almaz (Salyut-3 e Salyut-5) invece ospitarono cosmonauti che, pare, nel 1975 effettuarono test con un cannone appositamente progettato.

07-manned-orbiting-laboratory

MOL. Il Manned Orbiting Laboratory era un progetto dell'Air Force americana. Avviato nel 1963, consisteva in una stazione spaziale orbitante sui siti strategici dell'Unione Sovietica: da progetto, un razzo avrebbe dovuto portare in orbita il MOL assieme a una navicella Gemini modificata, con a bordo un equipaggio, armata di missili e una sorta di rete da usare per mettere fuori uso i satelliti nemici. Il progetto fu abbandonato nel '69 per via dei costi.

atlas-b_icbm

ICBM. I missili balistici intercontinentali possono partire da terra, da sommergibili e da bombardieri, e possono volare più di 3.500 chilometri. L'Urss ha lanciato il primo nel 1958, gli Usa nel '59, ma oggi sono in dotazione a diverse nazioni (compresa la Corea del Nord). Possono essere guidati da computer o via satellite e programmati per raggiungere una città e persino uno specifico bersaglio, trasportando cariche convenzionali, nucleari, armi chimiche e biologiche. Nel 1991 è stato siglato il primo trattato bilaterale Usa-Urss (oggi Federazione Russa), lo START (oggi New START) per la limitazione degli armamenti, comunque ancora abbondanti negli arsenali di tutte le potenze militari del mondo. Foto: un lanciatore Atlas al decollo. Sviluppato tra il 1957 e il '58, fu il primo missile balistico intercontinentale Usa.

x4

X-37B. È un veicolo orbitale che somiglia agli Shuttle della Nasa. Come questi è riutilizzabile e, privo di equipaggio, può restare in orbita un paio di anni. La sua ultima missione è stata presentata come un'indagine scientifica su materiali avanzati e su un sistema di propulsione sperimentale, ma la maggior parte dei dettagli è segreta. C'è chi pensa a un'arma spaziale, ma l'aeronautica Usa ha sempre negato scopi militari per l'X-37B: alle imprese del piccolo shuttle abbiamo dedicato diversi articoli, qui il più recente (maggio 2017). Foto: che cosa sappiamo dell'X-37B e, in basso a destra, il confronto con gli Space Shuttle.

10-anti-satellite-systems

Armi anti satellite. Nel 1985 un jet F-15A ha sparato un missile anti-satellite a Solwind P78-1, un satellite in pensione usato dalla Nasa per la caccia alle comete: preso in pieno, il satellite si è trasformato in qualche centinaio di detriti spaziali in orbita e i test sono stati interrotti. Nel 2007 un analogo test cinese ha generato un'enorme nuvola di detriti spaziali, e nel 2013 uno di questi ha colpito un satellite russo, distruggendolo. Le armi antisatellite devono cambiare approccio, ma intanto il problema dei detriti spaziali è sempre più grande: un sistema sviluppato in Italia promette di risolverlo facilmente.

11asteroid

Lanciare asteroidi. Visto com'è andata ai dinosauri, il bombardamento con asteroidi per vincere una guerra è un'idea perdente. Nel 2013 un asteroide di una ventina di metri esploso nei cieli della Russia ha rotto migliaia di finestre (e ferito indirettamente 1.200 persone): un asteroide di media grandezza potrebbe disintegrare una metropoli. Ma manipolare sassi spaziali è, per adesso, un'impresa da fantascienza: persino la missione Nasa che doveva staccare un pezzo di asteroide e parcheggiarlo in orbita terrestre è stata annullata...

Missili. L'invenzione del razzo segue quella della polvere da sparo, in Cina, un migliaio di anni fa, ma è solo nel XVIII secolo che viene usato in guerra, quando l'inventore inglese Sir William Congreve prende spunto dai razzi indiani in bambù per creare i primi esemplari in metallo. Dopo le campagne militari inglesi nelle Indie, i razzi furono utilizzati nella Guerra di secessione americana e nella Prima guerra mondiale. La svolta tecnologica arriva però con la Seconda guerra mondiale e i razzi tedeschi V-2 i cui segreti, finita la guerra, caddero in mano a Urss e Usa. Con la Guerra fredda è poi cominciata la corsa allo spazio e i razzi sono diventati "una cosa seria" con gli Icmb (missili balistici intercontinentali) e i lanciatori usati per le missioni spaziali.