Le allucinazioni non sono solo "roba da matti"
Uno studio inglese dimostra che visioni e voci inesistenti possono affliggere anche soggetti perfettamente sani.
15 cose che non sai sulle macchie di Rorschach
Dimmi cosa vedi, e ti dirò chi sei.
Il segreto delle macchie di Rorschach
Il potere evocativo delle sagome di inchiostro, interpretabili come figure di diverso tipo, dipende dalla loro semplicità: meno sono complesse, più è facile che evochino forme familiari.
Quanto è affidabile la memoria fotografica?
È davvero possibile fermare i ricordi come se fossero i dettagli di una Polaroid? Ci sono persone capaci di una così vivida capacità di osservazione e, poi, di rievocazione?
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

7 consigli per i buoni propositi di inizio anno
Non c'è anno nuovo senza buoni propositi, ma in pochissimi li portano a termine. Ecco una miniguida per capire come sceglierli e centrare l'obiettivo. 
5 modi in cui il Natale modifica il cervello
O lo si ama, o lo si odia: di certo, il Natale non lascia indifferenti. Tra stress, overdose di regali e incontri sociali obbligati, ecco come lo vivono i nostri neuroni.
Babbo Natale? Perché tuo figlio finge di crederci
Dopo i 7 anni, molti bambini perpetuano il mito del vecchio barbuto per beneficiare dei regali, anche se hanno ormai scoperto la verità. 
Focus a scuola: un successo stratosferico
Alla sua sesta edizione l'iniziativa FocuScuola per gli studenti. Premiato un liceo di Lecce, che ha dedicato un numero al tema dell'immortalità.
Il cervello dei runner ha migliori connessioni
Il cervello di chi corre e quello di chi suona uno strumento musicale si somigliano in fatto di connettività: varie regioni della corteccia sono meglio collegate e in maggiore sincronia.
La prudenza degli anziani e la materia grigia
Più si invecchia, meno decisioni avventate si prendono. Ma dietro a questa saggezza potrebbe nascondersi una precisa ragione neurologica.
Perché l'uomo ha perso l'osso del pene
Ce l'hanno macachi, bonobo e scimpanzé, ma è assente negli umani. La storia evolutiva dell'osso penico aiuta a capire perché, in fondo, non ne abbiamo più bisogno.
Gli atleti individuali più a rischio depressione
Chi gioca in squadra spartisce gioie e dolori delle prestazioni  con i compagni; chi corre da solo, ha spesso un fardello troppo pesante e non condivisibile con nessun altro.