Qual è il numero massimo di lingue che è possibile imparare?

C'è chi vanta la coscenza di oltre 60 lingue, ma non c'è un numero limite: molto dipende da che cosa si intende per "conoscenza" reale di un idioma.

ipa_h8k0w6_web
Il juke-box delle lingue.|Maksym Yemelyanov/IPA

Non esiste un record ufficiale per il numero di lingue parlate da una singola persona, ma, per avere un termine di paragone, si può fare riferimento a uno dei più noti iper-poliglotti, termine che definisce persone che parlano in modo fluente sei o più lingue.

 

Alexander Arguelles, un linguista statunitense, ne ha studiate tra le 60 e le 70, anche se, come la maggior parte dei poliglotti che vantano la conoscenza di così tanti idiomi, non è per davvero certo del numero di lingue che conosce. Questo anche perché diversi idiomi sono versioni arcaiche di altri, e con essi si sovrappongono, e ci sono poi lingue morte che Arguelles comprende e traduce, ma che non avrebbe senso parlare.

dizionario vivente. In un'intervista al New Scientist, Arguelles, che è madrelingua inglese, racconta di aver imparato francese, tedesco, spagnolo, latino, greco e sanscrito negli anni universitari; di essersi dedicato alle lingue medievali come il norreno (danese, svedese, islandese e norvegese nelle loro forme più antiche), l'alto-tedesco medio (parlato tra il 1050 e il 1350 circa) e il francese antico negli anni del dottorato e di aver aggiunto in seguito alcuni dialetti germanici, l'olandese, lo svedese e altre lingue scandinave, l'italiano, il portoghese, l'occitano (la lingua provenzale del sud della Francia) e il catalano. In seguito c'è stata la scoperta di coreano, giapponese, mandarino e cinese classico, russo, arabo, persiano, indi, turco, swahili...

 

Ma come fa? Arguelles racconta di aver studiato principalmente come autodidatta, con un metodo che definisce shadowing (letteralmente "ripercorrere passo passo"): mentre cammina all'aria aperta ascolta registrazioni della lingua da imparare e ne ripete i termini a voce alta, simultaneamente alla voce udita in cuffia. Così familiarizza: seguono poi molte ore di studio. Per il linguista, imparare nuovi modi per comunicare è un esercizio mentale irrinunciabile simile alla ginnastica.

 

Parolacce. Con questa tecnica riesce a interiorizzare anche una lingua a settimana, anche se ora ha deciso di dedicarsi soltanto agli idiomi che permettono di accedere a patrimoni letterari e culturali ricchi, come il persiano (Iran, Tagikistan, Afghanistan e Uzbekistan), l'arabo e il russo. Arguelles, che proviene da una famiglia poliglotta e sta insegnando altrettanto ai propri figli - per metà coreani - afferma che le lingue apprese non interferiscono fra loro e che, quando deve inveire, lo fa spontaneamente in tedesco. 

 

30 Gennaio 2017 | Elisabetta Intini

Codice Sconto

Come vengono girate

 

le scene di SESSO 
 

dei FILM?