Il segreto delle macchie di Rorschach

Il potere evocativo delle sagome di inchiostro, interpretabili come figure di diverso tipo, dipende dalla loro semplicità: meno sono complesse, più è facile che evochino forme familiari.

blot4300
Che cosa vedete in questa figura? Rorschach otteneva le sue macchie piegando a metà il foglio su cui aveva schizzato l'inchiostro.|via Nature News

È passato quasi un secolo (era il 1921) da quando Hermann Rorschach,  psichiatra svizzero di stampo freudiano, pubblicò le immagini base del suo test di personalità basato sull'interpretazione di macchie di inchiostro, che avrebbe avuto grande fortuna nei decenni successivi.

 

In alto, una delle macchie di Rorschach a bassa complessità frattalica, dunque molto "ambigua" ed evocativa. In basso, la stessa immagine ridisegnata azzerando i dettagli frattalici: il potere evocativo cala drasticamente. Lo stesso accadrebbe esasperandone la complessità. | R. P. Taylor

Benché l'affidabilità diagnostica delle macchie di Rorschach goda ormai di poco credito, uno studio recente ha stabilito come mai quegli schizzi di inchiostro evocassero così facilmente oggetti e figure nei pazienti che le vedevano.

 

Il segreto è nella loro semplicità: analizzando le 5 macchie in bianco e nero del test originale, Richard Taylor dell'Università dell'Oregon si è accorto che minore è la loro complessità frattalica - cioè il numero di strutture finemente dettagliate ripetute nell'immagine - maggiore è la quantità di figure conosciute che questa evoca.

 

Semplice (ma non troppo). Anche se le macchie nere analizzate sono tutte di bassa complessità, quella più semplice evoca circa 300 diverse immagini, contro le 170 di quella più complessa. Un certo grado di dettagli frastagliati è però necessario, o di nuovo il potere evocativo della figura si azzera. Il risultato, forse un po' controintuitivo, potrebbe fornire strumenti utili per lo studio del sistema visivo umano e dei materiali mimetici.

 

17 Febbraio 2017 | Elisabetta Intini