La casalinga

Ultimo intervento 03-06-2011, 17.17 di lupi999. 19 repliche.
Ordina interventi:
Vedi come RSS news feed in XML
Pagina 1 di 2 (20 elementi)   1 2 Successivo >
  • 03-04-2011, 10.34

    La casalinga

    Ho bisogno di sfogarmi!!!

    Per questioni logistiche sul posto di lavoro, sono in "ferie forzate" da quasi due mesi in attesa di riprendere.

    QUALCUNO MI AIUTI!!!! Allah! Manitù! Shiva! Krisna! Javè! O tiemp', Dio... chell'è che lè! Ma qualcuno mi salvi! Mi consoli in questa tediosa attesa!!!

    Sono costretta a fare la casalinga a tempo pieno e sto rischiando un esaurimento nervoso!
    Mamma mia! Ma come diavolo si fa?
    Unico pensiero del giorno: Pulire. Riordinare. Cucinare. Riordinare. Pulire. Cucinare.
    Sporadiche commissioni varie ed eventuali.
    Ma che palle!!!
    Ma che vita è?

    Poi c'è chi cerca di consolarti con: ma vai a farti un giro, vai a vedere due vetrine... mi ci manca un "prenditi un the con le amiche" e ho fatto tombola! Se qualcuno mi dicesse "se avessi un bambino cambierebbe tutto" potrei anche ucciderlo (chi mi dice questo, non il bambino)... giusto quello mi mancherebbe! Niente bambini grazie! Sono una muratore mancata e son felice così!

    L'unica cosa che mi consola è che probabilmente darò il colore nelle scale d'ingresso (il mio compagno mi sta vedendo così esaurita che le sta escogitando tutte per tenermi buona con un lavoro che si possa definire tale).
    Mi dice che me lo merito un po' di riposo dato che lavoro sempre come un mulo... un po' di ma son quasi due mesi che faccio la casalinga e mi vien da piangere!!!

    Me tapina...
    Mi sento così impigrita che posso provare con la pratica che esistono le velocità negative.

    Sciopero!
  • 03-04-2011, 10.45
    441486 in risposta a 441483

    Re: La casalinga

    Puoi sempre stirare... oddio... esco... forse sento un urlo.

    "Un diverso contatto con la realtà"
  • 03-04-2011, 10.57
    441493 in risposta a 441486

    Re: La casalinga

    Un viaggettino di un giorno, una volta alla settimana? Magari aiuta.
    Cerca qualcuno che ti faccia sorridere perchè ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornataccia (Paulo Coelho)
  • 03-04-2011, 11.24
    441499 in risposta a 441483

    Re: La casalinga

    Ciao Speno,
    purtroppo non posso aiutarti perchè sono una casalinga disperata anche io da quasi due anni...


    oddio! Lavorucchio un po' a scuola...ho qualche ora di spagnolo e inglese, ma è troppo poco x me!

    -.-.

    Bhè visto che hai tempo e TU  PUOI andare a farti un viaggetto (non hai figli rompi, vero?)...come ti consigliano... secondo me è il momento giusto...ti rilassi ...
    se io potessi, andrei..ma i figli hanno scuola!!! GGGGRRRR!!

    ...magari il ponte del 17....


    ciao ciao

    RAF
  • 03-04-2011, 11.49
    441505 in risposta a 441483

    Re: La casalinga

    Pure io sono a casa da un paio di anni, tranne un paio di giorni a settimana in estate e le fiere in inverno, ma con 2 bimbi piccoli non ci si annoia. Ok, scusa, ;))) non mi uccidere adesso !

    Se veramente però non sapessi che fare, approfondirei volentieri la mia cultura, magari con una piccola laurea, o imparerei una lingua nuova, farei volontariato, poi ricomincerei a pattinare ed a nuotare il più possibile.... insomma non mi fermerei davvero.

    Dici che ti piace il lavoro manuale, e allora buttati nel riverniciare anche casa, magari puoi fare stucchi o velature che ci impieghi tanto tempo dovendo fare diversi passaggi, e avresti un bel risultato se ti impegni.

    Non ti affliggere mai, nostra imperatrice incontrastata, altrimenti che ne sarà di noi !?

    Baci, Praslin


    La vita è come una scatola di cioccolatini : non sai mai quello che ti capita.
    da "Forrest Gump"
  • 03-04-2011, 12.01
    441507 in risposta a 441483

    Re: La casalinga

    Ho due figli quindi anche se facessi la casalinga a tempo pieno non avrei modo d'annoiarmi soprattutto con uno che ha costantemente bisogno della mia presenza , comunque quando la facevo per ammazzare la noia mi inventavo di tutto , quindi ho realizzato tende , fatto cuscini e lavorato ad uncinetto ( lo so che nn ci credete, eppure è così )ma la mia soddisfazione più grande è stata quando 2 anni fa ho ridipinto completamente la casa sbizzarrendomi a più non posso con le varie tecniche in uso ( spugnato, stracciato etc  e nella camera dei bimbi nuvole e stelle apiù non posso ) .Anche i rosoni li ho ridipinti tutti  Ma anche restaurare vecchi mobili è bello .Comunque a  casa mia c'è sempre qualcosa da fare volendo basta averne voglia e basta averne l'estro .Quest'estate mi occuperò del portico e del giardino , ho già in mente come deve diventare , chi avesse qualche  angioletto di terracotta da regalarmi da dipingere ed appendere ben venga !  

    In alternativa ti consiglio con l'arrivo della bella stagione di andare in bicicletta , oltre ad essere salutere non è dispendioso ed è rilassante :-)

  • 03-04-2011, 12.04
    441509 in risposta a 441505

    Re: La casalinga

    Viaggi non ne faccio perchè anche se non ho bimbi umani ne ho 19 pelosi che mangiano 2 volte al giorno e devono essere puliti e accuditi. Al massimo un giorno per andare in quel di La Spezia a trovare i parenti superstiti. Adesso non posso fare nemmeno quello perchè ogni giorno è buono per le novità sul lavoro (quando sarà tutto finito vi racconterò la surreale Odissea che nemmeno Ulisse se la sognava così!).

    Non stiro nemmeno se mi ammazzano (solo camice quando necessario).

    Ogni tanto disegno e/o dipingo... in attesa di imbiancare, ma comunque mi annoio a fare lavori che non hanno un riscontro economico. Leggo tantissimo. Se mi mettessi a fare il decoupage crederei di aver toccato il fondo.

    Le amiche che ho sono più muratori di me (una fa la rappresentante il giro per l'Italia, l'altra se le dicessero di fare la casalinga si sparerebbe un colpo in bocca!). Cercano di consolarmi come possono perchè conoscono la situazione pazzesca in cui navigo.
    La mia vicina è stata 35 giorni a casa per un infortunio e adesso fa i salti di gioia che sta per tornare al lavoro (ha cresciuto due figli e lavora da tutta una vita, nonostante la casa immacolata, non sopporta di stare a casa a fare solo quello... sempre... sempre...).

    Mi dedico di più al forum ma siete tutti troppo bravissimi e non posso vaporizzare nessuno.

    Rompo le scatole a Slyk... ma anche lui, beato, adesso ha degli impegni e non mi risponde più come prima.

    Prima di prendermi la laurea dovrei prendermi il diploma MA non conto proprio di rimanere a casa ancora così tanto tempo da studiare per un diploma (se succedesse ricordatevi: niente fiori ma opere di bene!).

    Curioso su internet.

    Gioco agli stupidi giochi di FB.

    Ogni tanto mi chiedono di aggiornare uno dei siti che ho fatto.

    Ho comunque sempre troppo tempo d'avanzo.

    Che palle! Che palle!

    >:(

    Grazie per il supporto!

    =)



    Sciopero!
  • 03-04-2011, 12.53
    441514 in risposta a 441509

    Re: La casalinga

    Ecco, potresti costantemente innaffiarmi le mie coltivazioni di cityville ! Ihihihih .....

    Bacioni ti capisco ,anche io sono un'altra che si annoia , proprio stamane mi hanno prolungato i giorni di mutua , nn so se sorridere o piangere :-)

  • 03-04-2011, 13.02
    441515 in risposta a 441514

    Re: La casalinga

    Coltiva l'orto!

     




    Certe volte penso che ci sia un dio che sparge senza senso colpi di culo…in giro
    Vin-5
  • 03-04-2011, 13.51
    441520 in risposta a 441483

    Re: La casalinga

    Uno sport??

    Magari qualcosa di nuovo, da imparare, da imprecare perchè non esce come vorresti?

    Arrampicata?


    ... Rispetto ...
  • 03-04-2011, 16.31
    441567 in risposta a 441515

    Re: La casalinga

    tricio:

    Coltiva l'orto!

     

    Buona idea , in effetti mi mancano un paio di piantine di zafferano .......:-)

  • 03-04-2011, 18.12
    441575 in risposta a 441509

    Re: La casalinga

    Ti capisco, pensa che io scelsi di fare due figli per poter stare a casa dal lavoro. dopo tre anni stavo rincoglionendo, per quanto i bambini mi piacessero non riuscivo più ad articolare un discorso a forza di parlare solo con loro. In più senza un secondo stipendio non c'erano margini per eventuali viaggi o vacanze o, men che meno shopping. Un giorno, ferma ad un semaforo, figli di 3 e 5 anni sul sedile posteriore, dissi: "bimbi che ne direste se la mamma tornasse a lavorare" mia figlia TRE ANNI si sporse in avanti e agitando il ditino su e giù mi spara con enfasi: " SI' MAMMA ....PERCHE' E' GIUSTO CHE ANCHE TU ESISTI" .....rimasi basita.
    Inutile dire che mi cercai un lavoro e ripresi a correre ma l'elasticità mentale persa in quei tre anni non l'ho recuperata mai appieno.
    Credo che ci voglia molta volontà, molto amor proprio e molto equilibrio per gestire il troppo tempo libero in modo sano. Invidio Suzette che pare riuscirci con la sua energia, io sto per raggiungere la pensione e già mi preoccupo. L'unica consolazione è che invecchiando si è molto più lenti e quindi basta meno per riempire la giornata.
    Forza e coraggio....accetta la sfida con te stessa e impegnati per vincere la pigrizia.......scrivi (hai visto mai che un giorno diventi un best seller) modella la creta (possiamo vendere le tue opere nei banchetti di Seson rose) coltiva l'orticello (potresti vendere il raccolto ai vicini) .......
    Auguri :-)
    Vilma
    Una nazione si corrompe quando si corrompe il suo linguaggio.
    Octavio Paz, Nobel 1990
  • 03-05-2011, 8.52
    441606 in risposta a 441567

    Re: La casalinga

    ......
    Sogno il giorno in cui usciranno dai flutti e stringeranno negli artigli immensi i resti dell'umanità insignificante, logorata dalle guerre... il giorno in cui le terre sprofonderanno e il fondo oscuro dell'oceano salirà in superficie,
  • 03-05-2011, 9.33
    441616 in risposta a 441483

    Re: La casalinga

    secondo me fai un errore di fondo: un'attività si chiama lavoro solo se è retribuita!

    vero, ma falso al tempo stesso. tutte le attività che si fanno con impegno sono lavoro, che producono denaro oppure no.

    fare la casalinga è un lavoro non retribuito.
    io odio fare la casalinga. infatti non lo sono, sto a casa, lavoro a casa, non lavoro fuori casa.
    dimmi un pò: fare il pasticcere è un lavoro?
    fare la sarta è un lavoro?
    fare la magliaia è un lavoro?
    fare la pittrice è un lavoro? scrivere racconti poesie ecc è un lavoro?
    fare la donna delle pulizie è un lavoro?
    avere a che fare con il pc è imparare da sola tante cose è un lavoro?
    ecceccecc
    quando queste attività sono retribuite sono un lavoro, quando non lo sono diventano cosa? passatempo? hobby?
    è qui l'errore, se fatte con impegno e con voglia d'imparare diventano un lavoro.
    cercati un'attività che a te piace, e falla fino in fondo, con impegno e professionalità........ vedi un pò come t'acchiappa..................
    fra le tante cose che faccio, l'altro giorno ho finito un bel maglione per me, di quelli pesanti, vedessi come mi sta bene, per riuscire a farlo bene, quanti maglioni ho fatto, e quante volte ho scucito e rifatto, fino a quando non l'ho ben fatto e adesso ne sono fiera, dici ma non fai prima a comprarlo, certo ma vuoi mettere la soddisfazione di averlo fatto io!
    e ti dirò di più quando lavoro a maglia,  guardo la tv.............
    e fare una torta una crostata dei pasticcini, e fare la saker.......... con loa cioccolata fondente?............
    eccecceccecceccececc........................

    IL MIO BLOG
    http://gemelliginevra.blogspot.com


    LA GUERRA, UN MASSACRO DI PERSONE CHE NON SI CONOSCONO, PER CONTO DI PERSONE CHE SI CONOSCONO, MA NON SI MASSACRANO
    diastena
  • 03-05-2011, 9.38
    441617 in risposta a 441483

    Re: La casalinga

    Speno e tutte le casalinghe disperate vi consiglio, visto che il tempo non vi manca, di leggere accuratamente questo libro:

    Adesso basta, Simone Perotti (Chiarelettere editore)
    http://www.chiarelettere.it/libro/reverse/adesso-basta.php

    DI COSA PARLA
    Quarta di copertina
    del libro "Adesso basta"
    (di Simone Perotti)




    "Non si nasce liberi, lo sidiventa. Non basta sperare, è necessario osservare una certa disciplina per realizzare i propri sogni."
    Bjorn Larsson

    Ne abbiamo abbastanza. Lavorare per consumare non rende felici. Lo sappiamo tutti, ma come uscirne?

    Cambiare vita da soli sembra una scelta troppo faticosa. Addirittura impossibile. Invece no. Il downshifting ("scalare marcia, rallentare il ritmo") è un fenomeno sociale che interessa milioni di persone nel mondo (complice anche la crisi). Ma non si tratta solo di ridurre il salario per avere più tempo libero. Simone Perotti propone qui un cambio di vita netto, verso se stessi, il mondo che ci circonda, le abitudini, gli obblighi, il consumo. La rivoluzione dobbiamo farla a partire da noi, riprendendoci la nostra vita per essere finalmente liberi. Come ha fatto l'autore, che racconta la sua esperienza entrando nel merito delle conseguenze economiche, psicologiche, esistenziali, logistiche. Dire no non basta per essere felici. L'insicurezza economica cui andiamo incontro è anche un'occasione per ripensarci.
    Chi non osa nulla, non speri in nulla!
Pagina 1 di 2 (20 elementi)   1 2 Successivo >