Il calamaro gigante esiste!
Ricercatori del Cnr di Pisa hanno creato la prima mappa digitale dei suoi potenziali habitat nei mari del mondo.
Quanti uccelli uccidono le pale eoliche?
Molti meno di quanti ne annientano centrali a carbone e nucleari, come dimostrano diversi studi.
Il cane soffre molto il caldo, che fare?
Non siamo gli unici a patire l'afa. Anche i nostri amici a quattro zampe possono incorrere in un colpo di calore. Guida essenziale per proteggere Fido dagli effetti collaterali del troppo caldo.
Come i gatti hanno conquistato il mondo (antico)
I nostri gatti? Una "creatura" degli antichi Egizi.

10 DRITTE SCIENTIFICHE
 

per superare

 


la MATURITÀ

ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

I pesci emettono flatulenze?
Non esattamente come noi, ma dato che anche i pesci accumulano gas nell'intestino, in qualche modo devono espellerlo.
Anche i serpenti cacciano in branco!
Tremate, correte: questi rettili striscianti sanno coordinare i loro sforzi per rendere la caccia ancora più micidiale. Finora li si pensava predatori solitari.
Come hanno fatto le balene a divenire così grandi?
Un corpo lungo come un aereo di linea e un cuore grande come un'utilitaria: la scienza fa luce sul mistero della taglia extralarge di questi cetacei. Una conquista relativamente recente.
Sequenziato il genoma del girasole
Le informazioni genetiche aiuteranno i ricercatori a migliorare la resistenza e l'adattabilità ai diversi climi di una delle principali piante oleifere.
Il più antico antenato delle balene
Lo studio internazionale ha coinvolto anche ricercatori delle università di Pisa e di Camerino e ci aiuterà a capire l'evoluzione dei cetacei.
La banca mondiale dei semi si è allagata
Nemmeno il bunker apparentemente inviolabile delle Svalbard può sottrarsi agli effetti del riscaldamento globale: un'ondata di caldo anomalo ha causato la prima infiltrazione.
Dove vivono meglio le prede
Vivere in fondo alla catena alimentare non è facile, ma in certi luoghi è ancora più difficile.
Il curioso caso dei bruchi senza microbi
Lo studio di oltre un centinaio di specie di mangia-foglie rivela la totale mancanza di flora batterica intestinale: un fatto che pare più comune di quanto si credesse.