La natura si mette in mostra

Fughe precipitose, raduni notturni, banchetti improvvisati, incontri inaspettati e insolite amicizie tra animali. Le più belle foto di natura storicamente premiate nel concorso Wildlife Photographer of the Year sono ora in mostra presso il Natural History Museum di Londra. Animali a rischio estinzione e habitat naturali di rara bellezza saranno protagonisti dell'esposizione che si terrà fino a fine settembre. Abbiamo selezionato per voi gli scatti migliori.


Wild Planet features images from Wildlife Photographer of the Year, owned by the Natural History Museum, London, and BBC Wildlife Magazine

wp74-shahwp21-giesbers-sheltering-frwp65-seale-green-turtle-growp42-garber-polar-bears-scawp72-yonover-rajan-snorkellwp12-du-plessis-rhinos-drinwp27-jones-ice-crystals-on-Approfondimenti
wp74-shah

Un gruppo di zebre in fuga, così come le vedrebbe una formica (prima di essere schiacciata). Durante un soggiorno in Tanzania il fotografo britannico Anup Shah ha voluto rendere l'idea del movimento di questi ungulati dal basso, e pare ci sia riuscito a scapito della sua macchina fotografica, che ha dovuto pazientemente ripulire dal fango.

Guarda anche la gallery dedicata alle più clamorose fughe dagli zoo

wp21-giesbers-sheltering-fr

Complice la pioggia il fotografo olandese Edwin Giesbers è uscito per scattare alcune foto nel bosco vicino a casa. Quando si è accorto che, accovacciata sotto alla cappella di un fungo velenoso, una rana si riparava dall'acqua. Un quadretto casuale e riuscitissimo.

Una rana più buffa dell'altra: guarda

wp65-seale-green-turtle-gro

Da questo viaggetto in comune fotografato nelle acque hawaiane ci guadagnano tutti. La tartaruga verde (Chelonia mydas) ottiene la pulizia completa di guscio e pelle da alghe e parassiti, i suoi ospiti - diversi pesci chirurghi gialli (Zebrasoma flavescens), pesci chirurghi dall'occhio giallo (Ctenochaetus strigosus) e un Thalassoma duperrey (in basso) hanno il pranzo garantito.

Altri curiosi esempi di amicizia tra animali

wp42-garber-polar-bears-sca

Gli orsi polari di solito cacciano in solitaria, sistemati sul pack ghiacciato. Ma la presenza di una carcassa di balena nelle acque dell'Alaska ha richiamato una piccola folla di questi affamati mammiferi. Una trentina di orsi bianchi, oltre a quelli qui fotografati, attende una parte di cibo. A causa dello scioglimento dei ghiacci l'areale di caccia degli orsi polari si restringe e con esso le possibilità di nutrirsi adeguatamente.

L'incredibile impresa di un orso affamato: guarda

wp72-yonover-rajan-snorkell

Un elefante asiatico alle prese con un'immersione nel mare delle Andamane (India). La proboscide in questo caso funge da boccaglio, mentre il pachiderma si tuffa - testa compresa - sott'acqua.

wp12-du-plessis-rhinos-drin

I rinoceronti neri (Diceros bicornis) sono a rischio estinzione e il loro numero ha toccato i minimi storici negli anni Novanta (2410 esemplari nel 1995). Ma le politiche di protezione di questi animali - cacciati per il loro corno - e dell'habitat in cui vivono stanno dando i primi frutti (4800 esemplari alla fine del 2010). Nella foto un paio di esemplari si abbeverano in uno specchio d'acqua dell'Etosha National Park, in Namibia, un luogo dove è talvolta possibile vedere i rinoceronti interagire con elefanti e leoni.

Savana by night: la vita notturna degli animali africani in libertà

wp27-jones-ice-crystals-on-

Prima di lavare i vetri ci avrà pensato due volte Helen Jones, autrice di questo scatto e residente a Newfoundland, in Canada. Questo motivo che ricorda le piume di un uccello è in realtà il risultato della formazione di cristalli di ghiaccio sulle sue finestre, illuminate di primo mattino dalla luce del Sole.

Natura: che forme! Vai alla gallery

I fiocchi di neve amano la geometria

Un gruppo di zebre in fuga, così come le vedrebbe una formica (prima di essere schiacciata). Durante un soggiorno in Tanzania il fotografo britannico Anup Shah ha voluto rendere l'idea del movimento di questi ungulati dal basso, e pare ci sia riuscito a scapito della sua macchina fotografica, che ha dovuto pazientemente ripulire dal fango.

Guarda anche la gallery dedicata alle più clamorose fughe dagli zoo