Lampadine a incandescenza addio, da oggi sono fuori legge

Con l'inizio di settembre anche le ultime rimaste sul mercato vanno in pensione. Ecco quali sono le alternative più "verdi" a nostra disposizione.

lampadina_rotta
Rotta? Non importa. Da oggi le lampadine a incandescenza non saranno più in vendita, occorrerà sostituirle con un'alternativa più efficiente. Photo credit: Kyle May, Flickr, www.flickr.com/photos/kylemay/

Centotrent'anni di servizio sono un'età più che onorevole per andare in pensione. Così dopo oltre un secolo di utilizzo le care vecchie lampadine a incandescenza, con la loro inconfondibile forma "a pera", spariranno dal mercato. Scatta oggi, 1 settembre, il divieto di commercializzazione delle ultime rimaste sul mercato, quelle con potenza compresa tra 25 e 40 watt; le altre sono state messe progressivamente fuori legge a partire dal 2009. Il bando delle lampadine più energivore fa parte di una serie di direttive europee che dovrebbero portare, entro il 2020, a un risparmio energetico equivalente al consumo di 11 milioni di famiglie all'anno, e a una riduzione annua delle emissioni di CO2 di 15 milioni di tonnellate, almeno secondo i dati forniti dalla Commissione Europea.

Le alternative rimaste a nostra disposizione brillano, è il caso di dirlo, in efficienza. Le lampadine fluorescenti (quelle per intendersi dalla forma a spirale) o CFL (Compact Fluorescent Lamp) costano fino a quattro volte di più di quelle a incandescenza ma durano più a lungo, fino a 8-10 anni. Inoltre, consumano il 65-80% di energia in meno rispetto alle vecchie lampadine, che al contrario trasformavano in luce solo il 5-10% di energia, dissipando la rimanente in calore. Calcoli della Commissione Europea stimano che installandole in tutti i punti luce di casa, il risparmio annuo sulla bolletta sarebbe di 50 euro a famiglia.
Vantaggi indiscussi a parte, resta però la scocciatura dello smaltimento. Le fluorescenti contengono una infatti una piccola quantità di mercurio, pari a 5 milligrammi (una dose non pericolosa per la salute e sufficiente appena a ricoprire la punta di una matita). Nonostante il bulbo di vetro, quindi, non vanno gettate insieme alle bottiglie ma trattate come "rifiuti pericolosi" e riportate, una volta esaurite, presso i punti vendita dove le avete acquistate o nelle riciclerie cittadine (per approfondire).

Lampadine energy saving: pregi e difetti

Uno specchietto riassuntivo del piano di messa al bando delle fonti luminose non efficienti da parte della UE: apri il pdf con la tabella. (Image courtesy: Philips)

Al contrario delle CFL, i LED (diodi emettitori di luce) si accendono subito: non dovrete cioè aspettare i canonici 60-90 secondi prima che la stanza sia illuminata. Rispetto alle lampadine a incandescenza, garantiscono un risparmio energetico fino all'85% e durano anche 15 anni in più. Non contengono mercurio ma questo non vi esimerà da un accurato smaltimento rifiuti: non possono essere gettati nel sacco nero, vanno invece smaltiti come RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche).

Dal 2016 saranno bandite le lampade di classe energetica C: in questa classe rientrano, attualmente, le alogene a risparmio energetico che quindi spariranno dal mercato. La classe è determinata dall'efficienza energetica calcolata come il rapporto tra l'output luminoso (la quantità di luce emessa, o lumen) e la potenza (watt). La legislazione interessa la classe energetica, e non il tipo di lampadina: se quindi, in futuro, dovessero essere sviluppate alogene di classe più efficiente rispetto alla C, queste non sarebbero soggette al bando.

01 Settembre 2012 | Elisabetta Intini