Giornata Mondiale dell'Alimentazione, i numeri della fame nel mondo

La geografia della denutrizione, i progressi raggiunti e la strada ancora da compiere. Una sintesi dei contenuti dell'ultimo rapporto della Fao.

worldfoodday
Una contadina del Burkina Faso coltiva verdure anche nella stagione secca grazie all'ausilio di semplici tecniche di irrigazione. Photo credit: P. Casier (CGIAR), Flickr

Da una parte lo spreco di cibo, dall'altra le carestie e la mancanza di beni di prima necessità che affamano 870 milioni di persone nel mondo. È la situazione paradossale fotografata dall'ultimo report globale sull'alimentazione, lo State of Food Insecurity in the World 2012 (SOFI), realizzato dalla FAO, dal Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) e dal Programma Alimentare Mondiale (WFP). Oggi, in occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione organizzata dalla Fao per sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema della fame e della malnutrizione nel mondo, ve ne proponiamo una sintesi.

Quasi 870 milioni di persone (uno su 8) hanno sofferto di denutrizione cronica tra il 2010 e il 2012. La fetta più larga di questa popolazione (852 milioni) vive nei cosiddetti Paesi in via di sviluppo, mentre la restante parte risiede nei paesi industrializzati. E poiché la popolazione delle nazioni più povere è spesso anche molto giovane, la stessa, ingiusta sorte si abbatte anche sui bambini: sono più di 100 milioni quelli sotto i cinque anni gravemente denutriti e la malnutrizione è la principale causa di morte per 2,5 milioni di bambini ogni anno, denunciano i vertici delle organizzazioni internazionali.

Un taglio agli sprechi

La costruzione di un'economia alimentare più equa passa anche attraverso la lotta allo spreco di cibo: un terzo del cibo prodotto nel mondo va sprecato durante la catena di lavorazione o a livello domestico. Scopri in quale paese si spende di più per il cibo, perché si consiglia di non ricongelare gli alimenti e 10 trucchi per contenere la spesa in tempi di crisi.

Se l'Asia detiene il triste primato per il maggior numero di affamati, è l'Africa a registrare il trend di crescita di denutriti più preoccupante. Grazie al miglioramento delle condizioni economiche di molti paesi asiatici, la percentuale di denutriti in Oriente è diminuita del 30% passando da 739 milioni a 563 milioni. Si sono registrati progressi in questo senso anche in America Latina e nei Paesi Caraibici dove il numero di persone che soffrono la fame è sceso dai 65 milioni del 1990-1992 ai 49 milioni del 2010-2012. Ma nell'ultimo periodo il processo di miglioramento è rallentato. In Africa, al contrario, il numero di persone denutrite è aumentato di circa 20 milioni di persone negli ultimi 4 anni e si attesta ora sui 239 milioni di africani che soffrono la fame, uno su quattro. Anche nei paesi industrializzati il numero di persone affette da malnutrizione è cresciuto dai 13 milioni del 2004-2006 ai 16 milioni del 2010-2012.

Quali sono i paesi che hanno più a cuore i temi ambientali?

Su questi numeri non grava soltanto l'effetto della crisi - che pure è più blando di quanto si temesse - quanto un difetto di stime degli scorsi report. Il nuovo rapporto tiene conto di informazioni aggiornate su popolazione, riserve di cibo mondiali, sprechi di cibo, e dose giornaliera di calorie necessarie a ciascuno, tracciando una panoramica più precisa della situazione reale. Le nuove stime indicano che il numero globale di persone che soffrono la fame è sceso di 132 milioni negli ultimi 20 anni passando dal 18,6% al 12,5% della popolazione mondiale. L'Obiettivo di Sviluppo del Millennio - che prevede di dimezzare il numero di malnutriti entro il 2015 - si attesterebbe intorno all'11,6%. Una percentuale ancora raggiungibile a patto di investire in tutte le politiche necessarie.

Che cosa mangeremo nel 2050? Sfoglia il nostro menu

Alimentazione a base di insetti: perché la Fao la incoraggia

La maggior parte dei poveri vive di attività legate all'agricoltura: proprio sulle attività agricole, in particolare dei piccoli proprietari terrieri e delle cooperative agricole gestite da donne, è necessario investire, secondo gli esperti, per generare nuovi posti di lavoro e di conseguenza abbattere la fame. Ma lo sviluppo alimentare non passa soltanto attraverso l'aumento della quantità di cibo disponibile: maggiore attenzione va posta sulla qualità del cibo in termini di diversità, proprietà nutritive e sicurezza. La carenza di cibo infatti va di pari passo con problemi alimentari non meno insidiosi come la malnutrizione cronica e l'obesità. Finora il legame tra crescita economica e migliore nutrizione è stato fragile, sottolinea il report.

Anche la scelta di cosa mangiare è importante: diventereste vegetariani part-time?

16 Ottobre 2012 | Elisabetta Intini

Codice Sconto

 

SCOOP!

 

Soggetti che non avreste mai pensato potessero diventare amici