22
ott 2009

Ecco il ragno più grande del mondo

Nephila komaci
Nephila komaci

Trovato in Africa il "re dei ragni". O meglio, la regina: le femmine misurano 12 centimetri di diametro. Ma per fortuna, non sono velenose per l’uomo.

Dodici centimetri di diametro, una voracità sconvolgente e una considerevole differenza tra le dimensioni di maschi e femmine. Ecco l’identikit del nuovo ragno gigante scoperto in Sudafrica da Matjaz Kuntner, della Slovenian Academy of Sciences and Arts, e da Jonathan Coddington, del National Museum of Natural History di Washington DC.
Un ragno enorme, il più grande finora conosciuto.
La nuova specie è stata battezzata Nephila komaci e appartiene alla famiglia di ragni Nephilidae, noti per le elaborate ragnatele di colore giallognolo e per le notevoli dimensioni delle femmine rispetto ai maschi: le prime arrivano a misurare fino a 10/12 centimetri, mentre i maschi sono grandi circa un quarto.

Giganti in pericolo. La scoperta è importante per svariati motivi: gli esemplari appena trovati sono i più grandi del loro genere; è la prima nuova scoperta di ragni Nephila dal 1879, sebbene i due ricercatori siano sulle loro tracce dal 1978; e, infine, si tratta di una specie già in pericolo perché gli esemplari sono pochi e il loro habitat ideale si trova in zone del Sudafrica e del Madagascar nelle quali la biodiversità è messa in pericolo dall’uomo.
Ragnatela
Ragnatela

Killer spietati. Le femmine della nuova specie (e in generale tutti i ragni della famiglia Nephilidae) tessono una enorme tela giallognola che può arrivare a misurare anche un metro di diametro ed è così resistente da riuscire a intrappolare piccoli uccelli e lucertole. Ma per fortuna il Nephila komaci non è velenoso per l’uomo.

Colossali femmine. Kuntner e Coddington hanno ricostruito l’albero genealogico della famiglia di questi giganteschi ragni. Hanno così scoperto che le femmine della specie si sono evolute diventando gradualmente sempre più grandi, mentre i maschi sono rimasti pressoché immutati. Nephila komaci è all’ultimo gradino di questa scala evolutiva e sarebbe sette volte più grande di quanto era l’antenato della specie.
Ma perché le femmine sono diventate più grandi dei maschi? Kuntner e Coddington avanzano varie ipotesi: una dimensione così gigantesca permette di covare più uova e di non essere attaccabile da una buona parte dei predatori dei ragni, quali vespe, colibrì o formiche.
0
0
Contenuti collegati
Commenti (2)
commento-focus

Non sei connesso. Accedi utilizzando gli strumenti sottostanti.

commento-focus
Non sei connesso. Accedi utilizzando gli strumenti sovrastanti.
Oppure registrati.
Luca Necchi | pubblicato il 25/02/2012 alle 22.59 | Segnala un abuso
colibrì africani????

...ma se questo ragno vive in Sud Africa si deve difendere dai Colibrì che vivono nel continente Sudamericano????Vabbè che sono migratori ma fino in Africa!!!!

Luca Necchi | pubblicato il 21/02/2012 alle 22.41 | Segnala un abuso
...ma siete sicuri?

Salve,ma siete sicuri che un "piccolo" aracnide di 12 cm possa essere definito il più grande del mondo?Ho allevato tarantole per diversi anni ed alcune raggiungevano più del doppio della misura indicata...Una Grammostola Rosea di mia proprietà raggiungeva i 24 cm di Legspan(o diametro come lo chiamate voi) mentre che io sappia il ragno più grosso è la Theraphosa Blondie che raggiunge i 32 cm di Legspan...12 cm sono veramente pochini....cordiali saluti,Luca.