Quella bestia del mio amico

L'amicizia tra animali, e tra specie diverse, è un fenomeno tanto strano e curioso, quanto commovente. Eccone alcuni esempi tratti dalle nostre foto del giorno.
E non perdere le altre fotogallery sulla socialità degli animali: amici bestiali, amici a 4 zampe, amicizia a prima vista.

iber_80228_weblily1get_125701002_webiber_78703_webiber_72415_webiber_70737_webiber_69267_webget_105764167_webiber_63333_webiber_59796_webget_98424329_webget_98107337_webreu_rtr2adi9_webspl_c0025927_european_webeye_jk1031187_webreu_rtx9zqa_gatto-topoafp_000_par2367921_webafp_000_dv329431_web20055317388_52004823162534_5ric68mcwolfApprofondimenti
iber_80228_web

Timon è estroverso, egocentrico e curioso. Pumbaa invece è timido, goffo e impacciato. Sembra uscita direttamente dal cartone animato Disney Il Re Leone questa coppia di amici ospite di un giardino zoologico di Dunhampton, nel Worcestershire, Inghilterra. Come i protagonisti del film d'animazione i due, un suricato e un maialino nano (anche se il Pumbaa del cartone animato è in realtà un facocero), sono inseparabili, essendo nati a poche settimane di distanza e praticamente cresciuti insieme. I suricati (Suricata suricatta), originari di alcune porzioni dell'Africa come Sud Africa, Botswana, Zimbabwe e Mozambico, sono animali particolarmente socievoli e vivono in gruppi plurifamigliari che possono contare anche 30 esemplari.
Non perderti la gallery dedicata ai suricati
Giochi tra cuccioli, una carrellata di foto tenerissime

lily1

Quando si parla di cani-guida, subito la mente va ai silenziosi e attenti amici a quattro zampe dei non vedenti. Ma questa volta ad avere problemi di vista è proprio un cane. La bella Lily, una femmina di alano di sei anni, è rimasta cieca all'età di 18 mesi. Da allora può contare sulla presenza costante della sua migliore aiutante: Maddison, un'altra femmina della stessa razza che la segue ovunque e le "presta" i suoi occhi per esplorare i dintorni.

get_125701002_web

Nutrire un simile gruppo di spilungone non dev'essere semplice. Ma gli operatori della riserva dell'isola di Calauit, nelle Filippine, ci sono abituati: qui si trova, infatti, un'area protetta di 3700 ettari che ospita animali selvatici e in pericolo caratteristici della fauna africana. Nonostante possano arrivare a ingerire fino a 66 chili di cibo al giorno - prevalentemente foglie di acacia - le giraffe (Giraffa camelopardalis) sono animali di bocca buona e non sembrano disturbate dalle spine di questa pianta, che masticano con gli spessi molari. Nelle aree dove il cibo è più scarso, questi mammiferi si accontentano di minori quantità di fogliame e sopravvivono anche con solo 7 chili di vegetali.
Sai perché le giraffe hanno la lingua nera?

iber_78703_web

Questo cucciolo di mandrillo ospite di uno zoo di Ningbo, in Cina, e il suo peluche sono divenuti praticamente inseparabili. Ma alla soffice pelliccia del pupazzo il piccolo preferirebbe quella di altri suoi simili. Questi primati vivono in gruppi che possono arrivare anche a una cinquantina di individui, e per comunicare tra loro utilizzano una gestualità molto particolare. Se ha voglia di giocare, il mandrillo scuote vigorosamente la testa e le spalle e mostra i denti in segno di amicizia. Quando è arrabbiato colpisce violentemente il suolo con le zampe, mentre quando non ha voglia di iniziare una determinata attività, come combattere o accoppiarsi, semplicemente sbadiglia.
Le più belle foto di cuccioli
Guarda anche la gallery dedicata ai primati

iber_72415_web

Dietro le amicizie più belle ci sono spesso una serie di fortunate coincidenze. Questo boxer bianco, per esempio, stava giocando con la sua padrona su una spiaggia di Fife, in Scozia, quando la pallina è caduta in acqua. Nuotando per andare a recuperarla il cane si è trovato faccia a faccia con un cucciolo di foca, che come se lo conoscesse da sempre gli ha tirato un colpo amichevole di pinna sul muso. Incuriosito dal nuovo amico il boxer ha lasciato perdere la palla per annusare lo sconosciuto girandogli attorno e tornando poi a riva a muso vuoto. La buffa scena è stata fotografata da una signora che passeggiava sul lungomare insieme al marito.
Altre inconsuete amicizie animali (guarda)
Foto, info e tante curiosità su cani e gatti

[E. I.] 

iber_70737_web

Questo pulcino può muovere i suoi primi passi all'aria aperta senza troppi pensieri. A vegliare sulla sua sicurezza c'è un "bodyguard" d'eccezione: un micio che si è assunto il compito delicato di proteggerlo da eventuali aggressori. I giovani esemplari di gallina Pavlovskaja (sp. Gallus Gallus), una varietà di origine russa, sono particolarmente vulnerabili all'attacco di ratti e topi, ma c'è da scommettere che con il felino a guardargli le spalle, nessun roditore oserà avvicinarsi al nuovo nato. Quella tra il gatto e il pulcino comunque non è un'amicizia esclusiva. Sembra che Mikeal, così si chiama il micio, sia particolarmente protettivo nei confronti dell'intera covata. La scena è stata fotografata a Barnaul, Russia.
Guarda altre bizzarre amicizie tra animali e tra uomo e animali
Tante altre foto e curiosità sui gatti

[E. I.]

iber_69267_web

Le serviva un passaggio al volo, così questa gallinella d'acqua (gen. Gallinula) ha preso il primo mezzo che si trovava a disposizione. Ma le è andata male: nonostante la disponibilità a prestarle il suo guscio la tartaruga che vive con lei in uno zoo di Phoenix (Arizona, USA) è decisamente troppo lenta. Quando desiderano qualcosa le femmine di questi uccelli acquatici si dimostrano molto intraprendenti. Una volta puntato un partner ingaggiano una lotta territoriale con le rivali aprendo le ali a metà e tenendosi basse sulle zampe. Dopo aver sbaragliato la concorrenza prendono l'iniziativa corteggiando l'amato a suon di inchini e versi gorgoglianti.
Guarda anche altri esempi curiosi di amicizia tra animali

[E. I.]

get_105764167_web

A prima vista potrebbero sembrare madre e figlio, ma se guardate meglio noterete sul manto del felino di sinistra alcune macchie inequivocabili. Emma infatti è un ghepardo (Acinonyx jubatus), e accanto a lei c'è un giovane leone (Panthera leo) che l'ha scambiata per la propria mamma. Entrambi gli animali sono ospiti dell'Ukutula Lion Park and Lodge di Brits, Sudafrica, e da quando la femmina di ghepardo è stata salvata si è assunta il compito di fare da babysitter a tutti i leoncini orfani della struttura. In natura solitamente, questi predatori entrano in competizione per il cibo. Oltre ai ghepardi, tra i nemici giurati dei leoni figurano anche le iene, che si contendono le carogne con le leonesse ma si fanno prontamente da parte in presenza dei leoni maschi.
Guarda anche altre strane amicizie animali

[E. I.]

iber_63333_web

L'agilità per arrampicarsi sugli alberi da sola di certo non le manca. Ma farsi trasportare da qualcun altro è decisamente più comodo, così questa scimmia scoiattolo (Saimiri sciureus) ha approfittato della presenza di un amico pappagallo, l'ara gialloblu (Ara ararauna) per scroccare un passaggio e raggiungere la cima di un un tronco alto 7 metri. Del resto il pennuto non se la prenderà: i due, che vivono insieme nel giardino di un hotel di campagna a San Agustin (Colombia) sono cresciuti giocando insieme e fanno ormai coppia fissa. Un comportamento non raro per uccelli come questo, abituati a sviluppare relazioni sociali complesse anche con specie diverse dalla propria.
Un'altra particolarissima coppia di amici animali (guarda)
Tante altre foto e curiosità sulle scimmie

[E. I.]

iber_59796_web

In altre circostanze sarebbero stati nemici giurati. Ma quando si è soli e bisognosi di compagnia, si possono scoprire amicizie inaspettate e così questi uccelli, un Kookaburra (a destra) e un anatroccolo, sono divenuti inseparabili. Entrambi orfani e ospiti del Seaview Wildlife Encounter dell'Isola di Wight, Gran Bretagna, i due si coccolano di continuo e sembra che l'anatra abbia scambiato il compagno per la sua mamma. Il Kookaburra (gen. Dacelo) è entrato nella parte, anche se talvolta, in natura, si nutre di piccoli pennuti. Questo volatile di origine australiana è conosciuto soprattutto per il suo verso, che ricorda il suono di una risata umana.
Ascoltalo nel video:

get_98424329_web

Uno squalo balena (Rhincodon typus) intento a inghiottire un banco di pesciolini? Non esattamente. Quello che vedete è sì uno dei colossi più imponenti degli oceani (può superare i 10 metri di lunghezza), ma fotografato durante una seduta di... pulizia dentale. Gli igienisti in questo caso, sono un gruppo di piccoli pesci cardinale (fam. Apogonidae) che spazzano dalle fauci del predatore - simili a un gigantesco aspirapolvere - ogni traccia di plancton. Senza paura di rimetterci la pelle, si tratta infatti di una relazione mutualistica (cioè di uno scambio alla pari). Il bestione ottiene un ghigno pulitissimo, i piccoli dentisti ci rimediano la cena.
Non perderti la fotogallery sui grandi pasti marini
Vieni a conoscere i pesci più buffi degli abissi! 

[E. I.]

get_98107337_web

Un passaggio a un'amica non si rifiuta mai. Ma quando a offrirlo è un temibile alligatore e a scroccarlo una tartaruga, la storia ha dell'incredibile. Succede in un laghetto del Myrtle Beach Safari, un parco avventura del Sud Carolina (USA). Myrtle, una tartaruga di 15 anni, si fa trasportare da una sponda all'altra sul dorso rugoso di Georgia, un alligatore americano (Alligator mississippiensis) di 9 anni. Approfittando di tanto in tanto anche degli spuntini, come gustosi dadini di pollo, che gli addetti offrono al rettile. Georgia dal canto suo, si mostra pacifica come un agnellino. Nessuno al parco sa come sia nata questa amicizia: forse 4 anni di convivenza forzata nello stesso stagno, hanno "limato" le differenze...

[E. I.]

reu_rtr2adi9_web

I veri sentimenti non hanno confini né di genere, né di razza. Così, dopo il leone che bacia la sua padronail cane che allatta due tigrotti è oggi la volta di Tita, una gattina colombiana con affetto da vendere. Lo scorso febbraio Ruben Gaviria, il suo padrone, ha portato a casa uno scoiattolo trovatello rimasto ferito in un parco di Envigado, Colombia. E la micia, già mamma di un cucciolo di poche settimane, non ha esitato ad adottare il nuovo arrivato mettendo a completa disposizione tutto il suo latte. Il fratellino dal canto suo, non sembra particolarmente geloso: anzi, non perde occasione per giocare con il piccolo roditore. Altre fantastiche foto di gatti in questo slideshow
Tante altre curiosità sul comportamento del tuo gatto

[E. I.]

spl_c0025927_european_web

Che mondo sarebbe, senza gli amici? Per lo storno europeo (Sturnus vulgaris) si tratterebbe di una vera tragedia. Questo uccello dell’ordine dei passeriformi infatti, è un vero compagnone, e trascorre l’intera giornata nella sua "famiglia allargata" formata da centinaia di esemplari. Insieme agli amici di volo migra, caccia e si nutre. Li abbandona soltanto per motivi di cuore, quando deve corteggiare la partner. Lo storno è infatti in un gran latin lover che segue l'amata come un'ombra, in ogni momento della giornata.
Nella foto, uno stormo fotografato in Inghilterra.
Curiosità sui pennuti di tutto il mondo

[E. I.]

eye_jk1031187_web

L’animale più mammone della Terra? L’uomo, naturalmente. Subito al secondo posto però si piazza l’orango del Borneo (Pongo pygmaeus): eccolo mentre schiocca un bacio appassionato alla sua mamma.
I cuccioli di questa specie non hanno alcuna fretta di crescere e raggiungono lo svezzamento soltanto a 3 anni e mezzo d’età. Ma neanche allora abbandonano il “nido”: i più intraprendenti rimangono in famiglia fino ai 6 anni, i più pigri anche oltre. Insomma, sono loro i “bamboccioni” della famiglia dei primati.
Questa somiglianza, non soltanto fisica, con l’uomo è nota da sempre agli indigeni di Indonesia e Malesia, che non per niente li hanno soprannominati “Orangu-tan” (gente della foresta).

Mio figlio è una… bestia! Galleria di immagini di mamme e cuccioli
Cerca i cuccioli più teneri tra le migliori foto del concorso “Amici a quattro zampe”
Il balenottero che scambiava gli yacht per la sua mamma (foto e video)

[E. I.]

reu_rtx9zqa_gatto-topo

Se un antico egizio guardasse questa foto oggi, forse penserebbe che i gatti nei secoli si sono "rammolliti". Questo gattone ritratto in un giardino a Wuhan, in Cina, infatti, invece di essere aggressivo appare tranquillo e anzi incuriosito dal topo.
Per gli egizi il gatto era sacro perché liberava le case e i granai dai piccoli roditori.
Ma purtroppo non la pensavano così nel Medioevo, quando furono uccisi milioni di gatti perché considerati diabolici. E secondo alcuni studiosi, non fu neppure una brillante idea. La diminuizione dei gatti fece moltiplicare i topi, i maggiori diffusori della peste, aumentando così le epidemie fra il 1000 e il 1700.
E proprio contro le superstizioni sui gatti in questa giornata si celebra il Gatto Nero Day. Secondo le associazioni animaliste ancora oggi in Italia ogni anno - anche quest’anno purtroppo - vengono uccise decine di migliaia di gatti neri per colpa della stupida credenza che portino sfortuna.

Scopri perché in Italia si pensa che il gatto nero porti sfortuna (in Francia e Inghilterra è considerato un portafortuna)
Hai un gatto nero invia la foto alla fotocomunity e iscriviti al gruppo Gatti in Bianco e nero
Appassionato di gatti? Non perderti il canale Pet

[F.C.]

afp_000_par2367921_web

Per consolarla della perdita della mamma, morta nel darla alla luce, le hanno regalato un orsacchiotto di peluche. E ora Tahina, una cucciola di sifaka coronato (Propithecus coronatus) nata lo scorso dicembre allo zoo francese di Besançon, è talmente felice del suo nuovo amico che non lo molla un minuto. Un po’ di compagnia le serviva proprio, la piccola è uno dei rarissimi lemuri di questa specie che si trovano in cattività (sono solo 17 in tutto). E le cose non vanno meglio in natura, negli ultimi 30 anni secondo i dati dell’IUCN (International Union for Conservation of Nature), la popolazione di sifaka coronati si è dimezzata, a causa della progressiva distruzione del loro habitat naturale: le rigogliose foreste del Madagascar.
Scopri tante altre curiosità sui sifaka
E non perderti lo slideshow dedicato ai lemuri

[E. I.]

afp_000_dv329431_web

Un ibis eremita (Geronticus eremita) socializza con un suo clone di plastica, fissato sull’elmetto di un operatore. Siamo nella riserva di Barbate de Franco, in Spagna, dove si lavora per salvare questi uccelli dall’estinzione.
A minacciare la specie - che sopravvive ormai soltanto in due piccole aree del Marocco e della Turchia, sono i pesticidi usati nei campi e nelle paludi dove solitamente questi pennuti trovano il loro cibo (cavallette, molluschi e piccoli vertebrati).
Tra un pasto e l’altro, alcuni ibis eremiti costruiscono i loro nidi su pareti impervie, rocciose e irraggiungibili: da qui forse il loro nome. Altri meno “solitari” nidificano in zone densamente abitate, spesso purtroppo a stretto contatto con i rifiuti domestici.

Un'altro posto decisamente scomodo per fare il nido

[E. I.]

20055317388_5

Se ne sentono spesso di storie in cui una femmina adotta e allatta i cuccioli di un'altra nidiata, anche se appartengono addirittura a una specie diversa dalla sua. Così ha fatto il cane della foto che ha accolto una coppia di tigrotti tra la sua prole legittima (eh sì, se guardate bene la foto, ci sono anche loro a pretendere la propria parte). La tigre femmina, che li aveva dati alla luce il primo maggio scorso in uno zoo cinese, non aveva infatti abbastanza latte da sfamarli. Chissà cosa penserà il cane fra qualche mese, quando i tigrotti saranno cresciuti e diventeranno gattoni di un quintale di peso…

2004823162534_5

C'è migliore protezione che quella che si può trovare tra i lunghi tentacoli di una medusa? Sembrano pensarla così alcuni pesci (in genere molto giovani) che cercano riparo dai possibili predatori proprio lì, "tra le braccia" di una Thysanostoma loriferum, medusa che vive nell'oceano Pacifico, attorno alle isole Hawaii (U.S.A.). Si tratta di una sorta di associazione simbiotica chiamata commensalismo, che si crea nel mondo animale quando uno degli organismi trae vantaggio dal rapporto con l'altro che, da parte sua, non ne riceve né danno né utilità. In questo caso specifico, i pesci godono della compagnia della medusa, la quale non ne viene disturbata.

ric68

Convivenza impossibile?

Foto di: ric68

mcwolf

Giochi pericolosi

Foto di: mcwolf

Timon è estroverso, egocentrico e curioso. Pumbaa invece è timido, goffo e impacciato. Sembra uscita direttamente dal cartone animato Disney Il Re Leone questa coppia di amici ospite di un giardino zoologico di Dunhampton, nel Worcestershire, Inghilterra. Come i protagonisti del film d'animazione i due, un suricato e un maialino nano (anche se il Pumbaa del cartone animato è in realtà un facocero), sono inseparabili, essendo nati a poche settimane di distanza e praticamente cresciuti insieme. I suricati (Suricata suricatta), originari di alcune porzioni dell'Africa come Sud Africa, Botswana, Zimbabwe e Mozambico, sono animali particolarmente socievoli e vivono in gruppi plurifamigliari che possono contare anche 30 esemplari.
Non perderti la gallery dedicata ai suricati
Giochi tra cuccioli, una carrellata di foto tenerissime