Uccelli del Mediterraneo

Le immagini di uccelli in libertà dell'ornitofilo fotoamatore Antonio La Volpe, lettore di Focus.

beccaccia-di-mare-haematopus-ostralegus2cardellinifoto1lavolpefoto2lavolpefoto3lavolpefoto4lavolpefoto5lavolpecodirosso-spazzacaminofoto-lucherino-europeo-maschioparrocchetto-monaco-myiopsitta-monachuspasseroApprofondimenti
beccaccia-di-mare-haematopus-ostralegus2

Beccaccia di mare (Haematopus ostralegus): soggetto fotografato sulla costa di Molfetta (Bari). Uccello acquatico presente in Europa, Asia e Africa: si nutre anche di mitili, che sguscia con il robusto becco. In Italia ci sono due colonie nidificanti: lungo il Delta del Po e, nel Salento, nell'oasi delle Cesine.
 
Testi a cura di Francesco Chieppa, direttore responsabile del Portale Italiano dell'Ornitofilia. Foto di Antonio La Volpe. Queste immagini di uccelli in libertà sono proposte in occasione dalla mostra ornitologica di Bari, che presenta invece uccelli resi domestici dall'uomo, oggi "pets familiari" al pari di cani e gatti: due facce della stessa passione per il multiforme e multicolore mondo alato.

cardellini

Cardellino (Carduelis carduelis): due maschi adulti fotografati nei campi di Molfetta (Ba). È un fringillide (appartiene cioè all'ordine dei Passeriformi) molto diffuso in Italia, quasi in ogni ambiente: boschi, campi coltivati, spazi verdi urbani e suburbani. Deve il suo nome alla pianta di cardo, dei cui semi si nutre avidamente. Il maschio ha un canto melodioso e modulato.

foto1lavolpe

Voltapietre (Arenaria interpres). Uccello acquatico marino con due diversi piumaggi: invernale (nella foto) e riproduttivo, a tinte più vivaci ed appariscenti. Forma coppie monogame per più anni di seguito. Il nome comune riflette il suo comportamento: smuove infatti con il becco i ciottoli sulle spiagge, alla ricerca di piccole prede.

foto2lavolpe

Lucherino eurasiatico (Spinus spinus): una giovane femmina nella campagna pugliese. È un fringillide (appartiene all'ordine dei Passeriformi) comune in Italia e diffuso in Europa - fatta eccezione per l'estremo nord (Scandinavia ed Islanda) - e in Asia. È una specie con marcato dimorfismo sessuale. Ama le abluzioni e si lava spesso in pozze, ruscelli, piccoli invasi.

foto3lavolpe

Martin pescatore (Alcedo atthis) alla periferia di Molfetta (BA). Comprende ben 7 sottospecie che differiscono per colori, dimensione e proporzioni del becco. È un volatile con grandi capacità di adattamento: occupa infatti habitat anche molto diversi. Si nutre principalmente di pesce, ma non disdegna larve, girini e altri piccoli invertebrati acquatici.

foto4lavolpe

Rondine rossiccia (Cecropis daurica). Piccolo passeriforme della famiglia delle rondini, è insettivoro e costruisce nidi di fango caratterizzati da un cunicolo di accesso, tipicamente in anfratti di edifici o pareti rocciose. Alle nostre latitudini c'è una specie stanziale, che nidifica in Africa, e una migratrice che nidifica in Italia. Le coppie hanno un comportamento territoriale in fase riproduttiva, ma in autunno-inverno è gregario, uso a riunirsi in stormi.

foto5lavolpe

Fraticello (Sternula albifrons). Uccello acquatico diffuso in tutto il mondo a eccezione delle Americhe. Occupa areali naturali con presenza di acqua salmastra. Specie priva di dimorfismo sessuale, nidifica in colonie, al suolo, preferibilmente su lembi di sabbia emersa dal mare.

codirosso-spazzacamino

Codirosso spazzacamino (Phoenicurus ochruros). Piccolo passeriforme tendenzialmente monogamo, caratterizzato da un discreto dimorfismo sessuale. Abita ambienti diversi, anche urbani e suburbani (è una specie sinantropa, ossia che vive in preferenza vicino alle abitazioni umane) nutrendosi di invertebrati e, d'inverno, anche di bacche e frutta. Lungo la costa si ciba anche di piccoli crostacei. Deve il nome alla livrea color fuliggine, con penne timoniere rossicce sulla coda per entrambi i sessi (nella foto: un esemplare giovane).

foto-lucherino-europeo-maschio

Lucherino eurasiatico (Spinus spinus). Esemplare di sesso maschile, riconoscibile dalla calotta nera del capo. Il lucherino eurasiatico è un uccellino estremamente intelligente, si nutre di semi, prevalentemente oleosi, e di insetti in fase riproduttiva. Predilige i boschi di conifere, ma in inverno si spinge anche in pianura e nei campi coltivati.

parrocchetto-monaco-myiopsitta-monachus

Parrocchetto monaco (Myiopsitta monachus). I soggetti in foto, ripresi alla periferia di Molfetta (BA), sono parte di una grossa ed estesa colonia che vive in libertà sulla costa adriatica pugliese, da Barletta a Bari. La specie è originaria del Sudamerica: importata in Europa come volatile domestico d'affezione, in molti Paesi europei è oggi considerato specie alloctona invasiva in virtù della sua grande capacità di adattamento in libertà.

passero

Passero Italiano (Passer italiae). Specie dimorfica, sinantropa (presente nei centri urbani come uccello stanziale e nidificante), lo troviamo anche nei campi coltivati. Ordinariamente onnivoro, è soprattutto insettivoro durante l'allevamento della prole. Un tempo specie quasi invasiva dei centri abitati, ultimamente la sua consistenza numerica nelle città si è molto ridotta.

Beccaccia di mare (Haematopus ostralegus): soggetto fotografato sulla costa di Molfetta (Bari). Uccello acquatico presente in Europa, Asia e Africa: si nutre anche di mitili, che sguscia con il robusto becco. In Italia ci sono due colonie nidificanti: lungo il Delta del Po e, nel Salento, nell'oasi delle Cesine.
 
Testi a cura di Francesco Chieppa, direttore responsabile del Portale Italiano dell'Ornitofilia. Foto di Antonio La Volpe. Queste immagini di uccelli in libertà sono proposte in occasione dalla mostra ornitologica di Bari, che presenta invece uccelli resi domestici dall'uomo, oggi "pets familiari" al pari di cani e gatti: due facce della stessa passione per il multiforme e multicolore mondo alato.