Hacker, la megattera impigliata nel cavo internet

La balenottera era rimasta impigliata in un cavo per le connessioni sottomarino. L'ha notata un fotografo naturalistico che ha allertato i soccorsi e documentato la storia (a lieto fine).

balenacavo
Lo sguardo terrorizzato della megattera e il cavo di rete (in giallo). Sullo sfondo, la guardia costiera norvegese.|Audun Rikardsen

L'hanno chiamata così per la singolare sorte che le è toccata: Hacker, una megattera (Megaptera novaeangliae) che stava ispezionando il fiordo di Kaldfjorden, un'area spesso visitata dalle balene non lontano da Tromsø (Norvegia), è rimasta impigliata in un cavo di rete sottomarino.

Fortunatamente sulla sua strada ha trovato Audun Rikardsen, un fotografo di natura che stava navigando in quelle acque a caccia di soggetti per i suoi scatti. L'incontro tra i due (la data non è specificata) è stato raccontato da New Scientist il 19 novembre. Il fotografo ha subito avvertito la guardia costiera locale ed è tornato sul posto con un amico per provare a liberare il cetaceo.

 

Terrorizzata. La megattera, dapprima impaurita, si è poi lasciata avvicinare: «È arrivata vicino alla nostra piccola barca, con le sue 30 tonnellate. Avrebbe potuto facilmente rovesciarci, ma non l'ha fatto, stava chiedendo aiuto» ha detto Rikardsen. Nonostante 4-5 ore di tentativi, i due uomini non sono riusciti a liberarla. Finalmente è arrivata la guardia costiera (nella foto) che ha tentato di salvare la balenottera per tutta la notte, fino a quando, all'indomani, è stato mandato un sub in profondità per risolvere il guaio.

 

Come è andata a finire. Solo allora ci si è accorti che il cetaceo non era rimasto impigliato in una rete da pesca, ma in un cavo che sarebbe dovuto trovarsi a 170 m di profondità, sul fondale del fiordo, e che brandiva l'animale da una parte all'altra della bocca, avvolgendosi intorno a una pinna e alla coda. Dopo un giorno e mezzo di sforzi, finalmente Hacker è stata liberata. Skulsfjord, il villaggio del fotografo, è rimasto senza connessione web per due settimane, finché il cavo non è stato sostituito. 

Il nuovo numero di Focus, in edicola fino al 20 dicembre 2016 e in digitale per sempre, dedica al fotografo Audun Rikardsen un portfolio che raccoglie i suoi scatti migliori, spesso premiati dai principali premi fotografici. Leggi un'anteprima del numero
22 Novembre 2016 | Elisabetta Intini